MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

LETTERA APERTA A MATTEO RENZI

La tua ultima Enews di ieri sera, l’ho condivisa nei contenuti al 99%. Ma c’è una frase che mi ha fatto fare un salto sulla sedia.

Questa:

Noi staremo fuori dal recinto delle polemiche, non litigando con nessuno e discutendo solo dei problemi degli italiani.

Non ci siamo Matteo, le polemiche bisogna affrontarle, non ignorarle. Se non si fa chiarezza non si fermeranno mai, i TalkShow continueranno imperterriti a parlare di coalizioni, di unità, Pisapia continuerà a vagare come una boccia da biliardo impazzita che schizza da una sponda all’altra, tutti i falliti del passato vorranno dire la loro.

Matteo proprio in questa enews di ieri sera hai aggiunto questa frase:

Noi abbiamo vinto le primarie con quasi due milioni di partecipanti chiedendo di discutere di lavoro, di periferie, di tasse, di casa e ambiente, di sostegno alla maternità.

Infatti, questo è il problema, il Pd che è uscito da questo ultimo congresso ha approvato a larghissima maggioranza quelle idee, quel progetto, quella linea politica. Di queste cose si è discusso, non di poltrone.

E allora lo vogliamo dire finalmente con chiarezza facendo tacere tutti i commentatori della terra, che quel progetto dell Partito Democratico del 2017 NON È COMPATIBILE con tutti i micro partitini che millantano il loro essere sinistra?

Come pensiamo di portare definitivamente questo paese fuori dalla crisi e finalmente pensare a uno sviluppo e un modello sociale serio? Con chi parla nel 2017 di lotta di classe? Con chi si scandalizza se ti fai fotografare assieme a Marchionne? Con chi boccia come un crimine il Jobs Act, di cui il 99,99% non  ne conosce minimamente il contenuto?

Vedi Matteo, con questo atteggiamento ambiguo, non solo non prenderai mai un voto da questa sedicente sinistra, perché ti odiano profondamente, loro vanno braccetto con Casapound piuttosto, ma perderai i nostri voti.

Solo che noi non siamo 4 come quelli lì, noi siamo milioni.

E qui è bene ricordarlo a tutti i cialtroni  che fanno titoloni, o peggio a quei delinquenti che mettono bare in vignetta, che noi continuiamo a essere milioni. Non solo perché lo dicono i sondaggi, ma perché lo dicono anche queste ultime elezioni. Non sono ubriaco, sto richiamando i numeri, e questi ci dicono che anche  dove abbiamo perso i ballottaggi, noi da soli contro tutti gli altri uniti, siamo arrivati a pochi punti dal vincente.

Matteo pensaci, la pazienza degli elettori non è infinita.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

28 risposte a LETTERA APERTA A MATTEO RENZI

  • Concordo in pieno con tutte le osservazioni presenti nella lettera aperta!

  • Il primo partito in Italia siamo noi,”I VOLONTARI DEL SI”!Caro compatriota Matteo saliamo insieme i gradini del podio della futura”VITTORIA” annunciando adesso al popolo d’Italia che nonostante la sconfitta maturata in quel dell’epica battaglia del 4 dicembre è anche certo che non si è vinti finché non ci si dichiari vinti.Noi,”I VOLONTARI DEL SI” siamo con te!

  • Se fossi in voi invece a me piacerebbe. Siamo stanchi di polemiche. Non vogliamo sapere cosa non vi piace degli altri ma cosa proponete per noi. Così che si possa scegliere consapevolmente. Ignorare ed essere propositivi. Parlare al cuore delle persone e non alle pance. Magari nascesse un leader così in Italia.

  • A mio parere Matteo Renzi fa bene a tenere un atteggiamento serio e concentrato sugli obiettivi concreti , quello che forse ci vorrebbe e qui concordo con chi scrive la lettera aperta , sono ideali e visione chiari ed urlati con coraggio , un approfondimento vero e sintetico con dati alla mano di come intende gestire la situazione relativa ai principali temi che stanno a cuore ai cittadini . Come fa Marchionne quando deve lanciare un nuovo modello e parla a tutti in fabbrica agli operai , in ufficio agli impiegati , uomini donne anziani , immigrati . Se Renzi riesce ad abbattere la barriera tra lui ed i cittadini medi , normali , avrà un enorme credito . Auguri e coraggio !

  • Purtroppo Matteo sembra non avere la furbizia e la cattiveria del politico professionista. Fondamentalmente è un utopista che pensa di raccogliere consensi con il trionfo di tante iniziative ad oggi viste irrealizzate. Ha coraggio, ha grinta e spirito di sacrificio, ma procede da solo e da solo vuole affrontare tutto. Speriamo che accetti consigli e non si isoli in una battaglia che a quel punto porterebbe alla sconfitta certa.

  • Io davvero non capisco. Se nei circoli argomenti e dimostri che la linea è sbagliata, ti tacciano come “polemico”, invitandoti a seguire in silenzio. Quando poi lo fa il Segretario Nazionale, si esalta il valore della polemica.
    Eppure sarebbe così facile …

  • L’esercizio del ” fre politica ” sfianca ” perchè nella competenza è incluso il ” fare” e non la letteratura del fare. Bisogna recuperare lo Stato che è alquanto anemico, intendo come ” patto ” non come Governo. Gentiloni è degno. Non ha senso un “Simposio ” per l’Iperuranio di una idea di sinistra, anche perchè le ” corrività ” delle più sinistre, sanno di perversione istintuale. Non devo difendere Renzi, ma riconoscere che, nonostante qualche mancanza di tatto, ha trascinato fuori dal pantano una barca sgagherata. La grande coalizione de 4 dicembre, pesa, ma c’era il trucco. Adesso siamo in altra fase in cui è necessario vedere in Renzi non uno che ha paura di nuotare perchè ha preso uno spavento. E’ tempo di guardare negli occhi e di decidere. Ssoprattutto di taglire il ” veleno ” della coda dello scorpione.

  • Avendo toccato i privilegi indistintamente di tutti e volendo continuare a farlo,Matteo Renzi si è dimostrato un politico di sinistra,mentre quelli che si spacciano per politici di sinistra,non lo sono,ma sono solo degli uomini che pensano al loro potere e alla poltrona in parlamento e dal parlamento si sono creati a ad hoc tutti i loro privilegi e avendo intuito l’intenzione di Matteo Renzi di proseguire nell’abbattimento di tutti i privilegi di chiunque essi siano,stanno cercando di logorarlo e costringerlo a ritirarsi a vita privata,ma Noi renziani non lo permetteremo,anzi lo incitiamo a formare un Suo soggetto politico e lo seguiremo a milioni,ma se decidesse di dare battaglia dall’interno del PD,metta fuori uso alcuni esemplari Brontosauri prima possibile

    • Renzi si è insediato a palazzo, ha detto che si sarebbe ritirato dalla politica ma continua a dettare l’agenda a Padoan e ci sta provando anche con Gentiloni. Che si levasse dai co…..i e formasse un partito suo, com’è l’ attuale pd”R”
      Basterebbe togliere la “R” ed il PD tornerebbe un partito, se non di sinistra, almeno di centrosinistra.
      Ci vediamo a Collodi nel suo parco.

  • Matteo non sono un politico, ma sento gli umori della gente ed anche il mio personale . Blocca i porti allo scarico continuo di migranti , guarda che è un problema ormai non più rinviabile , la gente è stanca , molto stanca , fai qualcosa , blocca questa indecenza. Se vogliono salvare i naufraghi , facciano pure , ma dopo o tornano in Libia oppure si trovano uno sbarco che non è l’Italia. PUNTA I PIEDI O SARÀ UN ‘ECATOMBE

  • Ho scritto tempo addietro che bisognerebbe formare un pool di persone capaci di ribattere punto per punto alle accuse che vengono mosse al PD e Renzi.
    Altrimenti chi tace acconsente dice il pproverbio.

  • No Matteo, io credo che sia ora di affrontare questo problema perché gli Italiani non capiscono, lobotomizzati come sono da una informazione non certamente rispondente ai canoni di una indispensabile onestà intellettuale.A volte agli attacchi si deve rispondere, altrimenti si può dare l’impressione che siano giusti.

  • Grande analisi, io aggiungerei una data, 10 luglio, alla prossima direzione, chi non è con me è contro di me, può andare, vada a formarsi il suo partitino dello 0, poi coi suoi compari forse qualche posto nel prossimo parlamento lo recupera.

  • Gentile Adriano
    condivido e sottoscrivo tutto aggiungendo che non avrei visto né vedrei male la possibilità che Renzi con un suo movimento possa correre da solo abbandonando cialtroni, opportunisti e poltronisti al loro destino.

  • Il rischio che Matteo finisca x isolarsi e non farsi capire (complice un po’ d autoritarismo) influiscono negativamente una delle critiche che si sente è spesso “la sinistra deve tornare a fare la sinistra non copiare la destra” CRITICA DA GIRARE A VELT(RUSC9ONI Credo abbia un po’ troppo spinto x il liberismo x il resto i “sinistri” meglio se girano larghi

  • Rispondere alle polemiche è indiscusso, per fugare ogni dubbio. Ma rincorrerle una volta si e l’altra pure, a volte è controproducente.
    Chi ha votato PD e ha fatto in modo da riavere Renzi Segretario, non cambierà idea e, vorrà vedere vincere il PD alle prossime elezioni politiche. Ma per fare ciò, è necessario che il governo con a capo Gentiloni, faccia gli interessi dei cittadini e non quelli dei potenti. Mi sto riferendo soprattutto allo scandalo delle RC Auto. Nel 2015, la Camera aveva approvato la famosa Tariffa Italia, che Renzi aveva propagandato e sbandierato ai quattro venti, ma il Senato purtroppo la bocciò. Ora se i parlamentari del PD in Commissione, approveranno solo poche, insignificanti e mortificanti proposte delle Lobby assicurative, il PD non prenderà in futuro i voti necessari per governare. Se invece il PD, riuscirà a riproporre la Tariffa Italia e farla approvare così come venne pensata allora, prenderà tutti i voti dei diversi milioni di cittadini residenti in Campania, (compresi quelli delle destre e dei 5 stelle), ma soprattutto dai residenti di Napoli e provincia. Questi voti saranno l’ago della bilancia che penderà dalla parte del PD, perché faranno la differenza, altrimenti credo che molti campani non andranno a votare, e la colpa sarà solo loro.

  • Con quale faccia vi professate di sinistra se prima del twitt Renzi stesso ha dichiarato, come fece a suo tempo Craxi, che a sinistra si perde?
    Mi chiedo, ma già conosco la risposta, se un impegno politico serve a vincere un’elezione oppure a portare avanti una politica che possa giovare al gruppo che si ha l’onore di rappresentare.
    Renzi è solo l’avanzo di una politica democristiana disposta all’alleanza col diavolo, oltre che con la mafia, pur di sedere su di una poltrona molto alta dove racimolare molti più introiti di quanti se ne possano avere da una politica chiara, se non anche onesta.

  • sono una persona di sinistra, ero un militante del PD, ma non mi riconosco più in questa classe di potere rappresentata dal segretario e da tutta la segreteria.Ho combattuto con tutte le mie idee di sinistra per 20 anni Berlusconi e il berlusconismo, e mai mi sarei aspettato che ci trovavamo nella stessa situazione con il segretario e la segreteria del PD, il partito che doveva essere l’evoluzione del partito di Berlinguer, di Pertini, di Aldo Moro è diventato una fotocopia ingiallita di forza italia.Vedi Matteo Renzi anche a me avevi illuso che avevamo trovato a sinistra un giovane brillante e competente per poter far un salto di qualità nella politica italiana per questo alle precedenti primarie ti ho votato…veramente il salto l’abbiamo fatto ma un bel salto all’indietro, ma la mia illusione ha incominciato ad affievolirsi per come sei diventato presidente del consiglio, con una trappola…diciamo pure una furbata, mentre durante la campagna elettorale delle primarie avevi detto che saresti andato al potere solo attraverso le elezioni. Ma quello che mi ha disgustato è stato il voltagabbana di quasi tutti i deputati e senatori che in un batter d’occhio sono saliti sul carro del vincitore, eppure erano stati eletti con il programma elettorale di Bersani!…che fine ha fatto quel programma….hanno incominciato le promesse, la costruzione del circo magico, chi più professava obbedienza tanto più veniva promosso, non si guardava alla competenza ma sopratutto ai leccapiedi, quello che mi ha fatto incazzare e ogni qualvolta che viene in televisione cambio canale, la tua dichiarazione sull’ultimazione dei lavori di ammodernamento della SA-RC, forse tu non l’hai mai percorsa veramente ma un giorno per scherzo fatti il tratto cosenza/falerna, troverai un’autostrada da terzo mondo. Come è possibile che il segretario del PD non accetta le critiche interne, chiunque critica sono dei corvi, chi applaude anche se è una grande balla, vedi la bufala del ponte sullo stretto, povero Del Rio era stato promosso ministro ha fatto un’inversione ad U rispetto alle sue opinioni. Certo hai vinto le primarie, ma vi siete chiesti voi del circo magico che avete le idee chiare, perchè rispetto alle precedenti primarie l’affluenza si è dimezzata??? hai voluto delle primarie lampo, senza una vera analisi politica della sconfitta al referendum del 4 dicembre e senza una analisi del perchè dell’allontanamento di una parte del popolo di sinistra, avevi fretta di riprenderti la corona…mi sembra piuttosto una corone di cartone. Ma come fà un leader politico a non rendersi conto che probabilmente stà sbagliando qualcosa quando tutti gli ex segretari prendono le distanze dalla sua linea politica????un bagno di umiltà ti farebbe del bene, abbandona questo circo magico, contornati di persone competenti, un po di esperienze non farebbe male, potresti riprendere la retta via…..

    • Ma come fa una persona a dire tante sciocchezze tutte insieme???Stai pure con l’armata brancaleone!!!!

  • Io penso che saprà gestirsi meglio di tanti consiglieri (lo ha dimostrato tante volte), destreggiandosi bene sia con argomenti e programmi e sua con le polemiche, se proprio necessarie

  • Condivido pienamente la lettera, vorrei che Renzi continuasse la sua strada con la stessa forza e la risolutezza dei primi anni.

    • lo MDP lo doveva creare Renzi e non” i sinistroidi”. Era quella la strada giusta secondo me. Ora prenderanno il sopravvento, non per vincere, ma per fare perdere tutti. Sarebbe stata questa la vera rottamazione dei “sinistroidi” che parlano unione, ma con i fatti creano solo divisione. Che delusione!!!

  • ADRIANO AMATO

    Non sono riuscito a leggere tutti i commenti sparsi sul web, visto che sono migliaia.
    La maggior parte di quelli che ho visto concordano con la mia tesi. Questo è quello che voleva fare il mio post, far sentire al Segretario che i militanti e gli elettori sarebbero con lui qualora volesse spingere sull’acceleratore.
    Giusto per la cronaca, Matteo ha letto e apprezzato.
    Ho letto anche diversi commenti tutt’altro che concordi. Molti sono chiaramente di persone vicine alla sinistra radicale, per cui il loro dissenso non può che farmi piacere, conferma la mia tesi sulla reale incompatibilità.
    Altri sinceramente non li ho capiti, o meglio ho capito che non mi hanno capito. Può essere dovuto al fatto che mi esprimo male, sicuramente, ma anche al fatto che hanno letto solo le prime due righe.
    In qualsiasi dei casi, grazie a tutti.

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]