MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Perché non faccio il tifo per un segretario

 

Ieri da una mia battuta di puro spirito, non politica, fatta su Martina, si è acceso sui social un dibattito che sembrava già la campagna per le primarie per l’elezione del Segretario.

Lo dico apertamente, non ci sto. Io al totonomi non partecipo, non mi interessa. Io voglio sapere che indirizzo prende il Pd, se segue quello proposto e votato dagli ultimi due congressi, anche se un mese fa non è stato votato dagli elettori che non sono del Pd. Oppure se come chiede qualcuno, bisogna cambiare verso e da quello che leggo, bisognerebbe adottare il programma di Leu, quello che ha raggiunto il 3% nonostante fosse la lista comprendente il maggior numero di personalità: da ex Premier, ex segretari del partito, Presidenti di Regioni e chi più ne ha più ne metta.

La mia è una posizione del tutto personale, ma so che è molto condivisa all’interno del Pd. Non faccio parte dei fan club renziani,  che li sento quotidianamente dire : se non c’è Renzi, strappo la tessera. Io sono appassionato di politica, non di calcio.

Per me Renzi significa, il progetto politico nato con la Leopolda, sviluppato e anche applicato  gli anni seguenti. Non ho difficoltà a riconoscere a  Matteo Renzi delle qualità eccezionali, l’energia, la prontezza, la caparbia, la lucidità, la lungimiranza e nel momento in cui riconosco tutto questo, vedo anche l’assenza di altri personaggi con le medesime qualità.

Ciononostante, io continuo a voler parlare di politica e non di uomini. Quindi non condivido chi continua a invocare il ritorno di Renzi, perché io voglio sapere dove va il partito, non chi sarà il segretario, non mi interessa. Anche perché credo si debba rispettare il volere di Matteo e se lui dice che non intende ripresentarsi alle primarie o all’assemblea, come segretario, ritengo abbia le sue buone ragioni e che vadano rispettate. Direi anche comprese, perché sono ragioni politiche e umane. Politiche, perché non c’è dubbio che 4 anni di guerra violentissima contro di lui, lo stillicidio quotidiano, lo abbiano bruciato. Non ci piace, ma dobbiamo prenderne atto. Umane, perché io non vorrei essere nei panni di una persona che per due eventi importanti e decisivi come il Referendum e le Politiche, sia stato il motivo dei risultati, in quanto gli Italiani non sono andati a votare nel merito, ma pro o contro di lui. E sfido chiunque a portare addosso questa croce e volersi prendere ancora sulle proprie spalle una simile responsabilità.

Quindi non disconosciamo l’importanza del ruolo di “folder” di istanze rivoluzionarie che è stato di Matteo Renzi, siamo certi che sia ancora una risorsa importante, che in un futuro in cui sia passata la febbre, e molti cittadini avranno potuto rendersi conto di essere stati raggirati, lui potrà tornare ad essere leader. Ma oggi vi chiedo: lasciatelo in pace.

Ma torniamo a noi, ripeto e insisto, non gioco al totonomi, non mi interessa. Io voglio sapere, il partito cosa vuole fare. Io credo che nonostante i risultati del governo, disconosciuti solo dai disonesti, il nostro progetto politico con Renzi segretario si sia arrestato. Per intenderci, il governo l’ha portato avanti, il partito no. Quindi oggi non posso non chiedermi: la nostra idea di Italia degli anni 2050, è realizzabile con questo Pd o stiamo perdendo tempo perché le incrostazioni della peggiore Dc e del peggiore Pci sono tali da frenare ogni ipotesi di cambiamento?

Questo voglio sapere, non il nome del segretario, se è simpatico, se fa dormire. Il Gossip lo lascio al Fatto Quotidiano. Io mi occupo di politica e mi preoccupo per i miei nipoti.

Ps: non mi si dica che scrivo queste cose dopo una disfatta elettorale, le scrivo da due anni. Sotto due esempi a caso.

Se il vostro obiettivo è mandare a casa Renzi, avete sbagliato i calcoli
articolo del 8 Giugno 2016

Io non mi batto per Matteo Renzi, io mi batto per il progetto politico che lui rappresenta.
articolo del 1 Aprile 2017

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

2 risposte a Perché non faccio il tifo per un segretario

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]