MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

La squadra di calcio è una fede, il partito no

Premesso che ognuno fa quello che vuole, premesso che non ho dichiarazioni personali da fare.

Mi lasciano perplesso alcune dichiarazioni che leggo da militanti del Pd, del tipo: “il …. è il mio partito” e cose simili.

Sarà perché non sono appassionato di calcio  ma credo che un partito non sia una squadra di calcio e tanto meno una religione. Non esiste la fede.

Un partito è un’organizzazione che mette in pratica o si propone di mettere in pratica delle idee, dei progetti. Aderisco a quel partito se le mie idee, nell’insieme coincidono.

Va detto che il mondo, la vita, ormai cambiano e si evolvono (a volte involvono) a una velocità supersonica. Un partito ha bisogno di adeguarsi e adattarsi in continuazione ai cambiamenti.

Può succedere che un partito non si evolva alla stessa velocità di comprensione del proprio elettorato, può succedere anche il contrario. Un partito recepisce l’evoluzione, mette in moto una trasformazione, alcuni elettori la comprendono, altri no. Succede anche che in un grande partito, si discutano a vita i cambiamenti e nel frattempo quelli di cui si sta discutendo sono superati. A quel punto il partito ha scontentato tutti.

Tornando all’inizio della riflessione, io penso che se un partito prende una strada diversa dal mio orizzonte, io non ho alcun motivo di seguirlo. Non è un percorso breve quello che descrivo, tutti sperano nel cambiamento, nell’evoluzione, si spera e si tenta. Quando però tutti i tentativi sono stati fatti e tutti sono falliti, proprio per quella divisione di cui parlavo pocanzi, credo che i sentimentalismi vadano accantonati.

In politica la fede si deve avere verso un ideale, verso alcuni valori, non verso un partito.

A volte il partito diventa una chioccia o un comodo salotto che ti accoglie al caldo, quello però serve a riposarsi. Il futuro dei nostri nipoti ha bisogno d’altro.

Ripeto a scanso di equivoci, è solo una riflessione, un pensiero a tasti bassi..

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

Una risposta a La squadra di calcio è una fede, il partito no

  • Un invito ad approfondire LEAN GOVERNEMENT – ” Governo magra”
    LEAN GOVERNEMENT – si riferisce all’applicazione di produzione snella (noto anche come “Lean”) principi e metodi per identificare sia e quindi implementare i servizi governativi in modo da fornire il più efficace valore aggiunto .
    Le agenzie governative con LEAN GOVERNEMENT comprendono meglio come funzionano i propri processi, come si facilita la rapida identificazione e implementazione di miglioramenti e crea una cultura di miglioramento continuo .
    Lean for government si concentra sul governo e il servizio ai cittadini con rispetto e miglioramento continuo della fornitura di servizi tagliando “spreco” e “inefficienza” nei processi; questo a sua volta si tradurrà in migliori servizi in generale, gli impiegati civili meglio impegnati con più valore, e migliori programmi e servizi supportati da tasse.
    In generale, i sostenitori vedono anche che un governo Lean è un mezzo per espandere la capacità del governo di fornire più servizi per unità di investimento .

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]