MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

LO STATO TUAREG – VIETNAM DI SABBIA

Partiamo da una notizia di cronaca, una delegazione del Comando Interforze dell’Esercito Italiano doveva andare a Gath (Libia sud-ovest- confine con l’Algeria), pochi giorni fa. L’idea è di organizzare un centro di controllo a Gath che coordini 5 punti di osservazione sui confini sud della Libia, lì dove passano i migranti. La missione era dunque di tipo logistico (reperire un luogo in cui costruire il centro). Quando la notizia è arrivata in Libia le milizie tribali di Gath hanno occupato l’aeroporto di Gath. Il nostro ambasciatore in Libia ha subito spiegato che non si vuole fare una base militare italiana in Libia.

Dopo questa spiegazione adesso i nostri riproveranno ad andare a Gath… vedremo.
Questo ci dà l’occasione di parlare dello Stato Tuareg.

L’area dove si estende lo Stato Tuareg è più o meno quello che vedete nella mappa (nel Mali ora i Tuareg sono stati respinti più a nord), Gath ve l’ho segnata con un pallino blu.
In Africa ormai ci sono degli Stati non dichiarati, lo Stato Tuareg è uno di questi. Lo stato Tuareg vive di lucrose attività commerciali: traffico di droga, di esseri umani e di armi. I Tuareg sono organizzati in una confederazione di milizie.

Queste milizie sono dual use, praticano il contrabbando delle merci succitate – organizzato nel cartello: “Bureau des Passeurs” – e allo stesso tempo praticano la guerriglia Jihadista nei Paesi dove risiedono formalmente: Ciad, Niger, Mali, Algeria.
Perché lo chiamo Stato Tuareg? Perché, come l’ISIS, le milizie Tuareg gestiscono il welfare locale ed hanno un’informale struttura burocratica.
Nello Stato Tuareg non ci sono solo i Tuareg, ci sono anche le milizie arabe Suleiman e le milizie Tebu. Tuareg e Suleiman combattono contro i Tebu, ogni tanto qualcuno prova a fargli fare pace (prima il Qatar, poi l’Italia), loro firmano un trattato e poi la guerra ricomincia.

Per cortesia non immaginatevi gente sul cammello con la scimitarra: tutte le milizie hanno artiglieria e mitragliatrici pesanti montate su flotte di pick-up i cui autisti fumano Marlboro e hanno orologi sportivi al polso. Perché trafficare in armi, droga e migranti rende un sacco di soldi.

Ma perché i nostri vogliono mettere un centro di controllo proprio a Gath? Perché da lì passa la rotta illegale dei migranti. Sì, i migranti raggiungono lo Stato Tuareg e da lì seguono una rotta, come una nave, rotta che si conosce benissimo. La disperazione viaggia sulla tratta Tamanrasset – Gath – Sebha –Tripoli-gommoni. Se blocchi la tratta Gath-Sebha blocchi tutto: fermi i migranti, non passano più.
A questo punto il vostro fornitore di vietnam si permette una considerazione: prendersela con le ONG siamo capaci tutti, prendersela con i Tuareg sarà un attimino più difficile. Vedremo.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]