MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Notizie dal mondo – Cap. 3

Oggi forniamo solo Viet-nam siriano. Dunque: l’attacco siriano contro la provincia, o la zona, di Daraa prosegue. Le persone che fuggono sono passate da circa 50.000 e circa 200.000 in pochi giorni. Queste persone disperate si sono accampate a sud, a ridosso della frontiera Giordana,  e a sud-ovest, a ridosso del confine del Golan controllato da Israele. Giordania e Israele hanno chiuso le frontiere. La Giordania ha già accolto 1.300.000 profughi siriani in questi anni e non ce la fa più ad accoglierne altri. Israele teme che i terroristi si infiltrino tra i profughi. Si stanno creando baraccopoli a ridosso dei loro confini. Esercito Israeliano e Giordano forniscono un po’ di tende e un po’ di cibo, ma da quei confini non si passa.

Come procede la battaglia? Verificare le notizie è impossibile. Alcune milizie si sono arrese, altre stanno trattando, altre non trattano. Stamattina c’era stato un cessate il fuoco sulla zona, perché –  appunto – c’era una trattativa in corso, poi i bombardamenti sono ripresi violenti. Ho idea che la trattativa non sia andata proprio benissimo. Per quel che può valere (poco) qui c’e’ una cartina di un sito che appoggia le milizie ribelli. I combattimenti a terra ci sono nella zona ovest di Daraa, tra il confine giordano e la zona controllata dall’ISIS (in nero sulla carta). Notazione: nella carta, dove noi troviamo normalmente scritto “Israele”, c’è scritto Palestina occupata”

 

Israele domenica ha riunito il gabinetto di governo, allargato alla partecipazione dei comandanti dell’esercito e dei servizi segreti. È la procedura classica in caso di un possibile rischio di guerra imminente. Successivamente Israele ha inviato artiglieria pesante e carri armati a rafforzare il confine sul Golan.

Israele dichiara da sempre che non vuole entrare nel vietnam siriano, però che non vuole milizie sciite vicino ai propri confini. Il problema è proprio questo; la foto che segue – tratta da un sito legato a settori dell’intelligence israeliano – ritrae dei simpatici omini verdi che festeggiano la cattura di un villaggio nella zona di Daraa; però, secondo gli spioni israeliani, questi omini appartengono appunto alle milizie sciite Liwa Zulfigar, e non a reparti dell’esercito siriano…

 

Gli USA si sganciano? Un mese fa gli USA hanno avvertito Russi e Siriani: “se attaccherete Daraa, violando il patto di de-escalation firmato l’anno scorso, ci saranno gravi conseguenze”. Hanno violato il patto. Gli USA a quel punto hanno detto ai ribelli: “fattacci vostri”. Sette secondi dopo che gli USA hanno detto “fattacci vostri” alle milizie che appoggiavano, i Sukhoi russi hanno iniziato a tirare giù tutto quello che potevano. Viene il sospetto che Trump stia davvero pensando di sganciarsi dal vietnam siriano, come aveva promesso in campagna elettorale e ribadito poi nei mesi scorsi. In questi giorni, a chi gli chiede lumi a tale proposito, Trump risponde: “vedremo”. La prossima settimana Trump si incontra finalmente con Putin in un incontro ufficiale, a Helsinki. Ecco, appunto: “vedremo”.

Secondo fonti delle milizie filo-turche, l’esercito siriano ha bombardato un sito di osservazione turco a nord della città siriana di Hama. Se così fosse non sarebbe carino. Sarebbe il preludio di un nuovo vietnam nella provinica di Iblid. E sarebbe il vietnam peggiore di tutti.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]