MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

NOTIZIE DAL MONDO – cap. 4

SIRIA:

Daraa, la spallata. Senza farla troppo lunga, sembrerebbe che nel governatorato di Daraa la Siria stia vincendo. Alcuni gruppi di ribelli, pare 11, non si sono arresi, nei quartieri di Daraa in mano agli insorti non si capisce se l’accordo di resa negoziato dai Russi con i ribelli sia operativo oppure no, ma comunque l’area di Daraa è stata spezzata in due enclavi dall’esercito siriano, i confini sono in buona parte conquistati, nella città di Daraa i ribelli sono completamente circondati. Combattimenti ce ne sono ancora, la cosa può prendere più o meno tempo ma “l’inerzia” sul campo di battaglia è totalmente favorevole all’esercito di Bashar al Asad.

Intanto gli sfollati schiacciati contro i confini giordani e israeliani (erano arrivati a essere 330.000) stanno in buona parte rientrando nei villaggi bombardati.

 

Da segnarsi sull’agenda il nome della prossima battaglia: Quneitra, lì è un casino. Quneitra è conficcata a ridosso del confine tra il Golan occupato dagli Israeliani e la Siria. Israele dichiara da mesi che, se anche un solo proiettile arriva sulle colline del Golan, se un solo gruppo di soldati iraniani o hezbollah mette piede in quella zona, reagirà e militarmente. Due giorni fa Israele ha di nuovo bombardato la base iraniana T4 (sta nel deserto siriano, tra Homs e Palmira). E stavolta, contrariamente all’usanza, lo ha praticamente dichiarato. I siriani hanno iniziato ieri a bombardare i dintorni di Quneitra, ma l’esercito non si è mosso. Oggi Nethanyau vola per l’ennesima volta a Mosca. Vedremo.

Intanto a sud-est l’operazione delle milizie arabo-curde spalleggiate dagli americani prosegue, l’ISIS ha perso due roccaforti e una trentina di villaggi e sembrerebbe che si stia ritirando dalla valle dell’Eufrate verso il deserto centrale siriano.

IRAQ:

Nel “pacificato” Iraq solo nel mese di giugno sono morte 200 persone per gli attentati, la sensazione è che la guerriglia dell’ISIS sia ora più forte, ci sono azioni terroristiche e attacchi un po’ ovunque, nei governatorati di Anbar, Kirkuk, Salahuddin, Diyala. L’esercito iracheno risponde al fuoco.

YEMEN:

In realtà il porto di Hodeida non è stato interamente conquistato dai sauditi-emiratini, i ribelli Houti continuano a controllarne alcune zone. Lo Yemen, per mangiare e curarsi, dipende quasi totalmente dalle importazioni, da Hodeida passa gran parte di quelle importazioni ed ora è tutto bloccato. È un disastro.

LIBIA:

 Il Generale Haftar continua a tenersi i porti della mezza luna petrolifera che ha conquistato 20 giorni fa. Il governo di Tripoli e la compagnia petrolifera nazionale NOC continuano a chiedergli di restituirli. Le esportazioni petrolifere di tutto l’est libico sono così bloccate. La perdita economica per la Libia è enorme.

MONDO:

 L’ISIS ha rivendicato 268 attentati in tutto il mondo per il mese del Ramadan. Le fonti occidentali ne hanno rilevati una settantina. Sempre più significativa la presenza dell’ISIS nella nuova “provincia” in cui è andato a rintanarsi: il Wilayat Khorasan. Ma di questo “nuovo” vietnam asiatico parleremo magari un’altra volta.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]