MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Riflettiamo sulla Gestione delle Autostrade

Non c’è giorno in cui oramai non ci tocca dire che la politica sia ridotta a tifo calcistico.

Oggi la partita si gioca fra pro e contro Benetton. Assurdità, fuori da ogni logica, pura ideologia e pura propaganda che poco c’entrano con quello che è successo a Genova. Premettiamo intanto una cosa essenziale, ci rifiutiamo fermamente di parlare del disastro, ci rifiutiamo di far parte delle squadre di esperti tuttologi, ingegneri, maghi che 5 minuti dopo la sciagura, avevano già chiaro il motivo del crollo, le soluzioni, i colpevoli. Sciacalli? No, criminali!

Sembra di essere tornati all’epoca degli ultimi terremoti, quando giravano con grande successo i geni che ci venivano a dire che con pochi spiccioli spesi in prevenzione, nessun terremoto avrebbe fatto più alcun danno. Semplicemente ignoranti, con l’arroganza di voler sapere.

Noi oggi vogliamo solo parlare della questione della gestione delle autostrade. L’ultima moda che fa capo a quelli del nuovo, portatori del cambiamento che altro non è che voler riportare il paese indietro di un secolo, si incentra tutta sulla privatizzazione o statalizzazione della gestione.

Noi non abbiamo ideologie, non siamo per privato è bello, pubblico è brutto o viceversa. Il problema è questo paese, dove il controllo sui servizi è difficile sia quando è pubblico sia quando è privato, quindi in questo caso come in altri, l’affidamento al privato garantisce almeno un costo fisso, libero da corruzione e sprechi. Non è una teoria, è un fatto certo, le autostrade dell’Iri garantivano un servizio di gran lunga peggiore dell’attuale e costi fuori controllo da parte dello Stato. Solo i deboli di memoria o in malafede, oggi possono non ricordarlo.

Per cui, l’ideologia pura ci dice: un servizio pubblico non dovrebbe offrire profitti a privati. Il buonsenso ci dice per prima cosa che quel profitto altro non è che una rendita di capitale agli investitori e ricordiamo che non si tratta di Benetton ma di migliaia di cittadini. Detto questo, sempre quel buonsenso, che non va più di moda, ci dice che il costo di quel profitto per i cittadini è infinitamente minore del costo della mala gestione pubblica.

Allora andiamo a vedere vedere a quanto ammonta questo profitto. Se esaminiamo l’ultimo bilancio della Soc. Autostrade, quello del 2017, effettivamente possiamo avere un sussulto, troviamo un utile netto di 968 milioni su un fatturato di 3,668 miliardi. Inaudito, direi quasi immorale.

Poi però dobbiamo entrare nel dettaglio. Intanto sgombriamo il campo dalle imbecillità giornalistiche e grilline che ci dicono ovunque che quel profitto esiste perché non si fa la manutenzione e poi crollano i ponti. Ignoranza pura. La cifra spesa dalla società per manutenzione è comunque enorme ma quando parliamo di opere simili, la manutenzione c’entra poco. I viadotti, che probabilmente sono da demolire e rifare, sono tantissimi e il loro costo non può di certo essere coperto da quel miliardo scarso. Facciamo l’esempio di Genova. Perché è stato messo in atto il Progetto Gronda, quello tanto avversato dai grillini, quello che gli fece dire che il rischio crollo del Ponte Morandi era una favoletta? Semplicemente per attuare un’alternativa a quel percorso che permettesse poi di chiuderlo. Purtroppo non si è fatto in tempo. Quanto costava quel progetto? 3 miliardi, di cui quasi due già finanziati dalla Società Autostrade. Allora di che stiamo parlando?

Ci rendiamo conto a che investimenti stia andando incontro la S.A. o la Atlantia per essa, se solo uno dei progetti costa 3 miliardi?

E adesso che ve ne siete resi conto, avete presente che favore vorrebbe fare il Genio Di Maio a questa società, non solo nel fargli risparmiare miliardi su miliardi di investimenti, ma anche regalandogli una grossa cifra certa di rimborsi e penali. Personalmente aggiungerei anche un’altra ipotesi. Ci saranno indagini, perizie e controperizie, dureranno anni, non 2 ore come vorrebbe la stampa, ma credo che l’ipotesi a cui giungeranno sarà una sola: errore di progettazione o esecuzione non conforme al progetto, o entrambi.

A quel punto, l’attuale gestore potrebbe far causa allo Stato per avere avuto in affidamento un bene non conforme. Avrebbe fatto bingo.

Per concludere rifletto sulla situazione e penso: che se per un attimo ci dotassimo del cervello bacato dei grillini e di tutti i loro elettori, non potremmo che chiedere al bibitaro campano: “Di Maio, quanto ti paca Benetton?”

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

Una risposta a Riflettiamo sulla Gestione delle Autostrade

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]