MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

LO STATO DI DIRITTO ESISTE ANCORA ?

Ponte Morandi

Cos’è successo veramente al Ponte Morandi? È crollato. Questa è l’unica cosa che sappiamo, il resto sono solo illazioni.

Partiamo da zero, cosa occorre per capire cosa sia veramente successo? Prima di tutto bisogna sapere perché ha ceduto. Semplice? Nemmeno per sogno.

Ci vorranno mesi se non anni in cui dovranno essere studiati, analizzati, tutti gli elementi disponibili, dovranno farlo tecnici specializzati nominati dal Tribunale, lo faranno anche i periti di parte. Tutti i risultati finiranno nelle mani dei magistrati che dovranno studiare attentamente i dati e rilevare se c’è stata veramente una mancanza imputabile a persone fisiche. Con un ponte costruito in quel modo balordo, non è detto che si arriverà a conclusioni certe.

E bene, a cosa stiamo invece assistendo? Alla stampa cialtrona e il governo più cialtrone della stampa, che ha già fatto le perizie, ha già fatto le indagini, ha emesso la sentenza e condannato il gestore.

Ma in che paese viviamo? Io credo che ormai siamo talmente abituati al degrado morale che non ci rendiamo più nemmeno conto delle cose abominevoli che ci succedono intorno.

E sia ben chiaro, non stiamo qui a difendere la Società Autostrade, che potrebbe anche essere colpevole di qualcosa, stiamo qui a difendere il DIRITTO.

E in questo caso stiamo a difendere il 70% degli investitori di quell’azienda che non sono i Benetton, stiamo a difendere la credibilità del nostro paese.

Perché parliamoci chiaro, con questo modo di fare, gli investitori si tengono alla larga dal nostro paese. Vedi multinazionali accusate di tutto e di più, vedi precarietà dei contratti di concessione che possono essere annullati da un giorno all’altro perché il popolo bue manda al governo dei ragazzini ignoranti come capre, incoscienti e dotati di pochissimo acume, che pensano di stare giocando a monopoli e non si rendono conto che ogni volta che aprono bocca il paese riceve una pugnalata. Non parliamo del caso Ilva, salvata in extremis, ma comunque dopo ingenti perdite di denaro pubblico e soprattutto di credibilità delle istituzioni.

Tornando al ponte, staremo a vedere cosa succede. Io sinceramente non escluderei il fatto che alla fine si potrebbe concretizzare l’ipotesi che il ponte è venuto giù semplicemente  per lo stesso motivo degli altri progettati da Morandi, ovvero perché mal progettato. Non solo dal punto di vista ingegneristico ma soprattutto perché il modo in cui è concepito rende difficilissimo il monitoraggio.

Poi li senti che parlano di MANUTENZIONE, che chissà cosa hanno in mente quando dicono o scrivono questa parola, forse pensano che gli si debbano cambiare le candele come alla loro Panda.

Concludendo, nel malaugurato caso in cui veramente si dovesse dedurre che le cause del crollo debbano essere imputate a difetto di progettazione o magari anche di esecuzione, per lo stato sarebbe un brutto colpo. La Autostrade avrebbe ricevuto in concessione un bene non idoneo e quindi chiederebbe il risarcimento di tutti i danni subiti. Intanto però,  per il momento abbiamo già emesso condanne, e anche inflitto la pena.

 

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]