MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, cosa vogliano dire. Il Pd cala ancora, il Pd sparisce e frasi ad effetto simili.

Io comincerei con il dire, che il Pd non può sparire, semplicemente perché non esiste.

Dopo le elezioni e soprattutto dopo l’inutile assemblea che ha nominato un inutile segretario, non c’è, non esiste, è un insieme di uomini e donne che si muovono ognuno in un proprio percorso ma tutti senza un obiettivo, senza una meta ben precisa.

Colpa della batosta? No, colpa del fatto che la pentola si è scoperchiata e il contenuto è saltato fuori. Non è un partito allo sbando, semplicemente sono due partiti, con obiettivi, idee, principi e progetto politico diametralmente opposti.

Quello che poteva e sembrava dovesse essere il nuovo Pd lo abbiamo visto alla tre giorni della Leopolda, ma non è stato. Una parte ha fatto finta di appoggiare il progetto, ma era solo per convenienza, perché in realtà non l’ha mai appoggiato o anche, non l’hai mai capito.

Quindi parlare dei risultati del Trentino Alto Adige, lascia veramente il tempo che trova, anche perché le due province autonome che formano la pseudo regione che regione non è, sono abbastanza diverse fra loro.

Chi ha vinto? Il cdx, certo, vediamo dove, però. A Trento la Lega prende 69.000 voti. Alle politiche la Lega ne aveva presi 82.000. Quindi niente di nuovo. Il M5S potrebbe fornire il dato più eclatante perché passa da 73.000 voti a 18.000.

Il Pd passa da 60.000 a 35.000 voti. Niente di nuovo nemmeno qui. Il candidato del cdx chiaramente vince non perché la lega prende tutto ma perché ha aggregato molte sigle.

Andiamo a Bolzano. A Bolzano la differenza la fa l’Svp, in quanto perde 12.000  voti rispetto alle provinciali 2013 ma ne guadagna 53.000 rispetto alle ultime politiche. In una provincia autonoma, questa differenza non è un’anomalia. La Lega nel 2013 nemmeno c’era, oggi prende 31.000 voti e rispetto alle politiche ne perde 9.000.  Il M5S si può dire veramente che sparisce, ma credo sia vietato dirlo, quel termine è consentito solo per un partito. Passa da 41.000 voti delle politiche a 6.000 di oggi, quindi non raggiunge nemmeno i 7.000 del 2013.

E veniamo al Pd. Alle provinciali 2013 aveva 19.000 voti, alle politiche 2018 ne aveva 25.000. Oggi ne prende 10.000. Che è successo alle politiche?

Il 4 Marzo 2018, Maria Elena Boschi, candidata uninominale, vince su tutti gli altri candidati e partiti con 37.800 voti.

C’è altro da aggiungere ? È colpa di Renzi.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

Una risposta a IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

  • Si è diventato ormai un mantra dare tutte le colpe alla Boschi , non si vincono le elezioni è colpa della Boschi, non dai litigi interni dai distinguo dagli egoismi di personaggetti che vogliono crearsi un futuro ma devastano il partito perché gli elettori non li capiscono, la Boschi ha subito di tutto e di più senza aver commesso nessuna colpa, a meno che non si consideri una colpa dire quello che si pensa e seguire una linea che per molti di noi è corretta. La bocciatura del Referendum che avrebbe cambiato la nostra vita politica e non solo è dovuta all’egoismo di molti di noi che guardano ai loro piccoli interessi e non vogliono cambiare nulla, ma anche alle ingiurie e alle calunnie sparate a raffica contro Renzi anche dal mondo intellettuale che ora sta zitto, il risultato è quello che vediamo ora fascisti e ignoranti spadroneggiano come fossero i proprietari dell’Italia.

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]