MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Vi racconto la storia di Lodi, da un altro punto di vista

Lodi, la tranquilla cittadina più a sud della Lombardia, balza improvvisamente in prima pagina della cronaca nazionale. Una faccenda di cui non sto nemmeno a discutere, perché ampiamente raccontata, perché semplicemente assurda. A che pro? Nessuno, il sistema è quello sperimentato e collaudato da Salvini, fare e dire cose senza senso, senza  un obiettivo preciso, con l’unico intento di creare consensi negli animi più deboli, nelle coscienze assopite, nei distratti bisognosi di messaggi semplici e non di ragioni e ragionamenti.

Io invece voglio parlare di Lodi. Una cittadina che conosco abbastanza bene, una località prevalentemente contadina che serve il suo hinterland che si occupa di agricoltura e trasformazione dei prodotti agricoli.

Gente semplice, dove da anni gli stranieri hanno sostituito i giovani che non se la sono sentita di rimanere a mungere vacche come i genitori, stranieri in qualche modo integrati.

Lodi non è mai stata di destra, Lodi anche nel periodo più florido della Lega è stata toccata da questo partito una sola volta. Lodi è stata democristiana per tutto il secolo scorso, poi di centrosinistra, sempre. Ricordiamo che l’ex vicesegretario del Pd  Lorenzo Guerini è stato Sindaco due volte. Due volte lo è stata Simonetta Pozzoli e due volte Simone Uggetti, tutti  in giunte di centrosinistra comprendenti da Sel al Pd.

Parliamo proprio di Uggetti, che fece parlare di sé i giornali ma soprattutto tutta l’area grillina dei social, nel 2016 a causa del suo arresto. Chiamiamola custodia cautelare, ma attenzione non gli arresti domiciliari come succede spesso, no fu tradotto in carcere, dietro le sbarre. Aveva ucciso qualcuno? Come il padrone del MoViMento (che in galera non c’è mai  stato?) no, era accusato di turbativa d’asta. Che significa? Un qualcosa che purtroppo fanno molti sindaci nel redigere un appalto con il fine di favorire qualcuno. Guardate gli atti di Cantone e potrete vedere quanti appalti ha bloccato da che esiste l’Anac  per questo motivo, a cominciare dai comuni grillini.

Con due differenze, la prima è che molti passano inosservati, la maggior parte nemmeno indagati, nessuno è mai finito in galera. La seconda è che tutti lo fanno per favorire, amici e clienti, Uggetti lo fece per favorire l’azienda municipale, ovvero dei cittadini, a gestire la piscina comunale. Sì, un criminale.

Perché vi racconto questa storia?

Perché sta lì il punto, Uggetti esautorato dalla magistratura, grande scandalo nazionale, perché nessuno sa il perché ma il fatto rimane: Sindaco del Pd arrestato e si va a nuove elezioni.

Giugno 2017, Sara Casanova, segretario provinciale della Lega si candida a Sindaco, sostenuta dal Cdx contro Gentarini del Pd. Casanova prende il 27%, Gentarini il 31. Ovvero, il csx è ancora la prima forza a Lodi, nonostante tutto. Al ballottaggio la Casanova vince con il 56%.

In sintesi, Lodi non è di destra, non è razzista, non è xenofoba. È semplicemente una città regalata alla destra dalla magistratura. Purtroppo non è l’unico caso. Vogliamo parlare di Roma? Lasciamo perdere.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

4 risposte a Vi racconto la storia di Lodi, da un altro punto di vista

  • Non sono d’accordo. I magistrati applicano la legge.il sindaco ha commesso il reato, come dici, ed i suoi motivi non contavano.Lo stesso è stato contestato al sindaco di Riace, per altro reato. Di conseguenza le scelte partitiche della bella Lodi ( ricordo di aver letto il libro “la bella di Lodi”) dipendono dai cittadini, come ancora dici.Penso che di fronte all’elettorato sia vincente la trasparenza sul loro interesse .Ciao

  • I cittadini di Lodi si devono mobilitare, altrimenti questa considerazione rimarrà nel vuoto.

  • ADRIANO AMATO

    @Maria Grazia Pacini e io non sono d’accordo con te. Certo che esiste l’obbligatorietà dell’azione penale ma esiste anche la discrezione e il libero arbitrio del Magistrato. Nessuno discute l’indagine e eventuale sanzione, si discute l’arresto, le patrie galere come un criminale e soprattutto la spettacolarizzazione fatta attraverso i media di quell’arresto. Ma parliamo anche di indagini, perché non sono indagati tutti i sindaci scoperti nello stesso misfatto dall’Anac e dalla Corte dei Conti? Sono migliaia.
    L’accostamento al fatto Riace, mi spiace ma non sta in piedi, intanto perché lui sta a casa e non in galera e poi perché dal punto di vista giudiziario lì i reati sono molto più gravi di una turbativa d’asta, soprattutto per un rappresentante delle istituzioni. Fermo restando che a mio avviso anche in quel caso ci dovrebbe spiegare la necessità della custodia cautelare.

  • FINO A QUANDO LA MAGISTRATURA FARA QUESTO LAVORETTO?

ULTIMI POST

MINNITI SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA PD

Sono ormai mesi che il mondo renziano è in fermento, che parla di congresso, mentre Renzi non ne parla, che …
Leggi Tutto

No, Leu non va derisa, però …

Oggi un post mi ha fatto molto riflettere. Diceva che nessuno, del Pd o comunque di orientamento di centrosinistra, dovrebbe …
Leggi Tutto

PENSIONI, CHE FREGATURA …

La questione pensione rappresenta l’ennesimo esempio di come ci sia un’enorme differenza tra le promesse false e/o demagogiche e la …
Leggi Tutto

Gozi: “serve un nuovo movimento politico”

dobbiamo promuovere un nuovo movimento, aperto a tutti coloro che condividono senso dell’urgenza e nuova direzione, non chiedendo cosa hanno …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

NOTIZIE DAL MONDO – Cap. 13

SE ANKARA DÀ UNA MANO ALL’ISIS… SIRIA: due mesi fa circa le forze curde (SDF) appoggiate dalla coalizione a guida …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • Quando un leghista sputtana il nostro paese
    Questo è il video cui  l'eurodeputato Ciocca si è vantato di aver difeso l'Italia.  Si toglie una scarpa e sporca il documento ufficiale di Moscovici. https://twitter.com/i/status/1054749403150475265 Abbiamo cercato in rete una parola di scuse o qualcosa di simile da parte del suo capo Matteo Salvini, ma niente, lui ha altro da fare. Non ci sono […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]