Privacy Policy

Non abbiamo ceduto sui contenuti: BUFALA!

E allora te lo dico, sei un impostore e ti spiego perché. Non hai fatto altro che dire “non abbiamo ceduto sui contenuti” e questa è una menzogna di quelle classiche di una squadra di truffatori.

Perché?

  • In economia è come in chimica, vale la legge di Lavoisier : “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. Per cui, carissimo Pseudopremier, non puoi dirci di non aver toccato le tasse, quindi le entrate, di non aver modificato i provvedimenti, quindi le uscite, e il saldo si è miracolosamente ridotto. Le alchimie puoi andare a raccontarle a chi crede alle scie chimiche e quindi crederà anche alle vostre fandonie.
  • Ieri in televisione c’era un nervosissimo Travaglio, più insolente ancora del solito, più arrampicatore di specchi del solito, che continuava a ripetizione a propinare questa bufala. Ecco, lui che a qualcuno sembra intelligente ma a me sembra un diversamente intelligente oltre che estremamente ignorante, è la spiegazione del tormentone che i tre dell’Ave Maria ci sbattono in faccia ogni secondo in questi giorni. Lo sragionamento di Travaglio verteva su un solo punto, che tra l’altro non è una novità, ma è un classico dell’estrema sinistra da anni (e sì perché il ragazzo sempre stato di destra ora è di sinistra, semmai se ne avverta la differenza): quei cattivoni dei burocrati di Bruxelles, che se ne fregano del popolo e dei suoi bisogni, decidono loro cosa un governo deve fare e non fare. Loro non volevano il reddito di cittadinanza e invece il grande Conte l’ha portata a casa: un eroe.

Niente di più falso. Chi ha una qualche nozione di economia o anche un po’ di sale in zucca o semplicemente non è accecato da ideologie, non ha bisogno di spiegazioni. Proviamo invece a darle ai più pigri con esempi terra terra. Vedete, se il governo avesse presentato una manovra con dentro RdC, pensioni a 60 anni, accompagnato da: 1) aumento dell’Iva al 30%, 2) aumento dell’Irpef del 50% 3) re-immissione dell’Imu sulla prima casa, sui terreni agricoli e sui capannoni industriali, ebbene cari  miei, Bruxelles avrebbe detto: voi siete pazzi, ma sono affari vostri quello che fate nel vostro paese, quindi per noi va bene.

Viceversa, se metti in bilancio preventivo, una serie di spese reali, e in entrata una serie di cifre inventate, dove con estrema insolenza e spregio dell’intelligenza altrui, si vogliono far passare per investimenti spese che sono solo e solamente spese non-proficue, Bruxelles in rappresentanza di tutti gli altri paesi europei è costretta ad entrare nel merito.

I nostri perché lo fanno ? semplice, per scaricare sull’Europa ogni colpa, ogni problema di mancate promesse elettorali, e ogni futuro disastro. Sì, perché non è finita qui amici. Oggi la commissione ha chiuso un occhio e forse due su alcune cifre, quella delle entrate per dismissione del patrimonio dello stato ad esempio. Lo fa per dar fine a questo balletto inverecondo, ma solo perché ha in mano le clausole di salvaguardia. Per cui, prepariamoci al peggio, prepariamoci all’aumento dell’Iva, clausola fino ad oggi evitata dagli ultimi governi.

Ps: ah poi la montatura giornalistica del Conte mediatore vincente e rivalutato è esilarante. Ascoltatelo nelle interviste, le sue riposte sono semplici supercazzole, lui porta a Bruxelles fogli, Tria cerca di spiegarli, lui non ha la minima idea di che parlano.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

3+
Condividi su:
Quanto manca alle Elezioni Europee ?
Chi è Online
Al momento non ci sono utenti online
Membri attivi di recente
WEBMASTER
Avatar
ADRIANO AMATO
MASSIMO MINNETTI
Foto del profilo di STAFF
BRUNO MAZZARINO
ENRICO RICCIATTI
Avatar
ARCHIVIO ARTICOLI
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI