COORD. ADRIANO AMATO

RIFLESSIONI

No, scordatevelo, il Pd non tornerà indietro

Ripubblichiamo la foto che inserimmo alla vigilia del referendum, che raffigurava la difficile situazione in cui veniva a trovarsi il Pd e il suo segretario.

Partiamo da lì e cerchiamo di esaminare cosa sta succedendo oggi intorno al Pd, prendiamo a caso alcuni titoli dei giornali.

Quello più significativo:

Padellaro… Continua a leggere

Ognuno ha la città che si merita? pensiamoci

Pensieri sparsi, pensati passeggiando per Milano qualche giorno fa.

Che dire, giri per i quartieri dove hai vissuto, al posto di una stazione, al posto di vecchie fabbriche trovi edifici nuovi di zecca, belli, luminosi, e trovi anche giardini.

Cambi zona, passi per la stazione Garibaldi, di fronte una volta… Continua a leggere

Caro Matteo Fake news o semplicemente bufale ?

Caro Matteo, mentre sento parlare di fake-news, ho l’impressione che ancora una volta il mondo politico, sul web, abbia le idee confuse. Tranquillo, è un problema globale, basti vedere la legge assurda fatta dalla Merkel.

Perché? Primo pensare di regolamentare il web, significa non sapere cosa sia. Secondo e più… Continua a leggere

Grasso: il Pd non c’è più.

Caro Presidente, se il Pd non c’è più, tira giù la saracinesca del tuo palazzo e vattene a casa, perché significa che non c’è più niente.

Ormai è un tormentone, la frase più gettonata in bocca agli stolti, a chi pensa veramente che una bugia ripetuta all’infinito divenga verità.

In… Continua a leggere

MEDIA: potere forte numero 1 ?

Stamattina mentre ascoltavo Padellaro mi facevo delle domande a cui sinceramente non so dare risposta.

Più o meno il percorso dei miei pensieri era questo:

Per esempio, metti che io nella vita produca e venda televisori. Metti che io consegni agli acquirenti dei bei cartoni, ben confezionati, con dentro delle… Continua a leggere

Quell’arrogante del segretario

Vedo che continua il dibattito e la solita divisione fra Guelfi e Ghibellini sul tema: Renzi ha fatto bene a rispondere così a quella signora?

Io sposterei un attimo la questione, perché è molto più ampia che quell’incidente insignificante.

Qui non si tratta di difendere il segretario sempre e comunque,… Continua a leggere

LETTERA APERTA A MATTEO RENZI

La tua ultima Enews di ieri sera, l’ho condivisa nei contenuti al 99%. Ma c’è una frase che mi ha fatto fare un salto sulla sedia.

Questa:

Noi staremo fuori dal recinto delle polemiche, non litigando con nessuno e discutendo solo dei problemi degli italiani.

Non ci siamo Matteo, le… Continua a leggere

PERPLESSITÀ SULLO IUS SOLI

Premetto, questo post non vuole entrare nel merito della legge.

Sostanzialmente non ho nulla da dire e aggiungo che non avrei nulla da dire nemmeno su una Ius Soli secca, all’americana per intenderci.

Comunque non posso non farmi alcune domande. Credo che chiunque sia dotato di senso della realtà, sappia… Continua a leggere

Basta! Vergognatevi voi, siete sporchi!

In questi momenti, tragici, di solito preferisco tacere. Gli altri però parlano, parlano anche a sproposito.

Cercano di trarre vantaggio per le loro idee, per i loro simboli, per i luoghi comuni.

Non sto qui a parlarvi degli pseudo-razzisti, dei fondamentalisti cattolici, dei Salvini di turno.  Non mi toccano… Continua a leggere

Debora e l’ipocrisia di sinistra che dura a morire

Non fa in tempo ad assopirsi l’affaire Boschi che nasce dal nulla l’affaire Serracchiani.

Quest’ultimo però trova urla e guaiti più a sinistra e dentro lo stesso suo partito che fuori.

Perché? Cosa ha detto di tanto strano e travolgente Debora?

Queste le parole: “la violenza sessuale è un atto… Continua a leggere

Pomezia: un disastro annunciato ?

Ho ascoltato poco fa in diretta un’intervista a Fucci (sindaco m5s di Pomezia). Risposte molto equilibrate e di buon senso. Mi piacerebbe che lui e i suoi amici usassero lo stesso metodo quando si parla degli altri, ma è chiedere troppo.

Rimane la perplessità: ha ricevuto un anno fa… Continua a leggere

LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO

Carissimo Andrea,

lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso.

Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche… Continua a leggere

E se fosse il nostro concetto di lavoro a fare acqua?

Ieri tutti i media e tutti i social erano totalmente impegnati a discutere sull’ultima uscita del ministro Poletti.

Ho visto chi ha minimizzato, ho visto chi lo ha attaccato violentemente.

Non sto qui ad analizzare la frase del ministro, tra l’altro estrapolata da un discorso generale che conoscendolo ne avrebbe… Continua a leggere

Europa: uno spiraglio di speranza

Sabato abbiamo pubblicato un nostro servizio video dove abbiamo ripreso alcuni momenti della Manifestazione per il 60° anniversario dei Trattati di Roma.
Il video ha un titolo provocatorio: “Questa Europa è utile così com’è?” Forse in rete si è creato un piccolo equivoco, la domanda nel nostro immaginario… Continua a leggere

Compagni, attenzione: Vogliono fregarci!

Cari amici, questa è un’esortazione personale. Non mi rivolgo a tutti, solo ai miei compagni di partito per dire: NON CI SIAMO.

Non è una novità che in questo paese esistano ormai da tempo forze più o meno palesi che spingono il paese in una certa direzione. È anche… Continua a leggere

Errori di Renzi? parliamone seriamente

Ieri ho lanciato questa provocazione su un social per vedere poi l’effetto.

La mia curiosità non era dovuta al capire le motivazioni di chi parla di errori di Renzi in televisione dalla mattina alla sera, per quelli è colpa dell’ex Premier, il terremoto, la fame nel mondo, la nascita dell’Isis… Continua a leggere

FACCIAMO CHIAREZZA SU ROTTAMATI E ROTTAMATORI

Un affezionato lettore, Giorgio, in un post ci scrive questo commento:

Io mi soffermerei sull’operato di Renzi in tema di rottamazione, il suo cavallo di battaglia; questo termine per me è coinciso con D’Alema, D’Alema e basta. Per quanto il buon baffino mi sia stato antipatico in passato, imputo ora… Continua a leggere

ADESSO BASTA !

Caro Segretario, oggi fra le tante cose che hai detto, ne abbiamo annotata una che condividiamo, un’altra che ci lascia molto perplessi.

Hai detto : “Tutte le volte che si dice che “siamo il partito dei petrolieri o dei finanzieri un iscritto un volontario ha uno stranguglione” e… Continua a leggere

È UN BRUTTO MOMENTO PER QUESTO PAESE

Mai vista tanta confusione come in questo momento. Chi fa il tifo, come fossimo allo stadio e.. pro e contro, il momento è inopportuno. Sarebbe il momento di ragionare.

Avvoltoi e sciacalli sguinzagliati contro una preda che non è stata ancora catturata. Tanti ma tanti “utili idioti” che pensano di… Continua a leggere

TROPPA CONFUSIONE SUL REFERENDUM DELLA CGIL

Ho l’impressione che anche sull’esito della Consulta riguardante il Referendum della Cgil si stia facendo una gran confusione.

Non me ne meraviglio, perché il Referendum è già stato posto all’opinione pubblica in modo confuso, e la confusione viene dalla bufala con cui è stato presentato da Sindacati e Media il… Continua a leggere

PERCHÉ VEDO UNA NOTA POSITIVA NEL GESTO DI GIACHETTI

GIACHETTI

Lungi da me entrare nella diatriba, Giachetti ha fatto bene, Giachetti non si doveva permettere. Purtroppo per mia natura sono più appassionato alla sostanza che non alla forma.
E allora, proprio sulla sostanza vorrei tentare una riflessione su cosa ha voluto dire Giachetti, e poi magari tirare le conclusioni per capire se il gesto di Bobo sia stato un’inutile caduta di stile o non sia per caso stato utile per risvegliarci dal torpore. Continua a leggere

MAI PIU’ CON QUELLA SINISTRA

MAI PIù

Scrivo queste due righe a titolo del tutto personale, so bene che non sono condivise da una parte del mio partito, e da tutti i miei amici.
Ma ribadisco, un NO netto. Io con questa sinistra, la sinistra da cui provengo e che è stata protagonista di tutta la mia… Continua a leggere

RENZI HA FATTO MALE A CONGELARE LE DIMISSIONI?

Naturalmente sappiamo bene che non poteva fare diversamente, il senso di responsabilità dello Stato deve sempre prevalere sull’interesse personale.
Proviamo comunque ad esaminare lo scenario immaginario e vediamo perché tutto sommato ci sarebbe piaciuto che le sue dimissioni fossero state presentate ieri stesso e rese irrevocabili.
La motivazione del Presidente della Repubblica è semplice, c’è la Legge di Bilancio che deve passare al Senato, siccome ci sarà ostruzionismo come sempre e nonostante tutto, serve un PdC che ponga la fiducia e la faccia passare. Continua a leggere

SE RENZI VOLESSE AVREBBE LA VITTORIA GIÀ IN TASCA


Stamattina ho ascoltata Flavia Perina più volte dire: Renzi non può fare sia Renzi che Trump.
Tradotto, non può fare il Premier e contemporaneamente il demagogo populista.
Sinceramente è un po’ di tempo che la Perina mi sta facendo ricredere sulla stima che ho riposto in lei, stima relativa alla sua correttezza e intelligenza, non di certo alle sue idee politiche, sempre e comunque diverse dalle mie. Continua a leggere

Perché la tesi per cui i populisti traggono vantaggio dal malessere economico è superata

Ieri sera ascoltavo il Professor Cacciari che spiegava i motivi del populismo nel mondo, dalla Brexit a Trump, da Le Pen a Grillo. Unica causa, il malessere economico e concludeva: chiunque abbia mai letto un libricino queste cose le sa. Mi permetto di dissentire dall’illustre filosofo. A volte i libricini portano fuori strada, se non si tiene conto che sono stati scritti magari un secolo fa o comunque in tempi in cui i problemi erano del tutto diversi da quelli odierni. Continua a leggere

Talk Show: informazione o terrorismo?

Mentana Tg7 PercorsiChi i conosce sa ormai da anni mi occupo quotidianamente del problema dell’informazione nel nostro paese, che a mio avviso rappresenta uno dei maggiori problemi e ostacoli per l’economia.

Quindi ho trovato interessante quella specie di battibecco a distanza dei giorni scorsi fra il Premier e i giornalisti. In realtà il primo ha semplicemente espresso una sua opinione personale sui talk-show, ma nemmeno direttamente. In chiave ironica ha detto che i processi non si fanno sui talk e altre battute di questo genere. La risposta è stata durissima, capeggiata dall’intoccabile maestro Mentana, uomo per tutte le stagioni, uomo per decenni costretto a fare da megafono ai peggiori governi Italiani, che appena liberato si è sfogato facendo dura opposizione a qualsiasi governo (a prescindere). Continua a leggere

ULTIMI TWEET

Segui @politecait su Twitter.

ARCHIVIO ARTICOLI
gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031