COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Come i media determinano il voto degli Italiani

All’inizio, la storia ci racconta che due giornalisti fanno soldi a palate con un libro e inizia il mito de LA CASTA. Un comico che aveva intrapreso la stessa strada ne approfitta, si inserisce e crea un vero potere.

No, non è un complotto, sono interessi, sono affari, sporchi e luridi affari. Demonizzare la politica rende e rende bene. Lo aveva già dimostrato Berlusconi facendosi passare per l’imprenditore di successo prestato alla politica ma allergico al “teatrino della politica”. Tutti hanno dimostrato che una volta entrati, hanno usato le stesse pratiche di smpre, nessuno ha aperto scatolette di tonno.

Tutti assieme comunque sono riusciti nell’intento di demonizzare, e abbattere la politica, ma quello era il mezzo, il loro obiettivo era fare affari.

Poi arrivò un guastafeste. Non aveva alcun interesse personale da seguire, però il marciume Italiano, i privilegi, le corporazioni, le storture della politica, gli inciuci, voleva combatterli veramente.

Andava fermato e così fu. Tutto lo scibile non si preoccupò più de La Casta, dei privilegi, dei fascisti, dei razzisti quelli veri, dei corrotti e dei corruttori. Tutti assieme appassionatamente contro il ragazzo fiorentino che aveva osato tanto.

La stampa, i media, tutti uniti con la congrega, tutti compatti contro il toscanaccio. Tutti per affari?  Sì tutti, chi per interessi diretti, chi perché … “addosso all’untore”  paga in termini di audience.

Con questo sistema si è pompato un movimento, si sono mandati nei luoghi più alti delle istituzioni persone a cui nel mondo civile non si sarebbe stato dato nemmeno un portierato di un piccolo condominio. Quando iniziò la campagna elettorale del Comune di Roma, del 2016, molti in Italia e nel mondo mai avrebbero pensato che veramente sarebbe potuta diventare Sindaco della Capitale Italiana, una che non aveva mai fatto nulla in vita sua.

Invece i media pompavano, la davano vincente quando non era nemmeno all’ultimo posto.

Guardatelo, questo brevissimo estratto di un nostro video, una delle tante interviste che noi di Politeca abbiamo fatto nel 2017, per testimoniare, cosa stava succedendo veramente nelle periferie. Quella breve frase, due parole, “quando si votavano i 5 stelle”. Il messaggio che era arrivato alle periferie, alle “masse” come si diceva una volta, non era che si votava, era che si votavano i 5 stelle.

Perché lo ricordiamo oggi?

Perché accade la stessa cosa. I media uniti stanno da mesi bombardando il Pd, che non esiste più, che si sta disintegrando, che ormai è finito.

In realtà è l’unico partito rimasto, l’unico organizzato, l’unico presente su ogni territorio, l’unico che quando chiama i propri militanti riempie le piazze di tutta l’Italia, l’unico che riesce a far devolvere il 2×1000 da 500.000 persone. L’unico che riesce a fare uscire di casa 2 milioni di persone, fargli fare code interminabili e pagare 2 euro, per eleggere il proprio segretario. Il movimento pompato da tutti i media, riesce a coinvolgere 37.000 persone che devono solo premere il ditino comodi dalla loro casa al caldo.  Il fantastico candidato Premier alle Parlamentarie ha preso 490 click. Il candidato che a sentire tutti i media, è già presidente del consiglio. In realtà non ha alcuna possibilità di diventarlo. Per fortuna. Potremmo rimpiangere Silvio. E vogliamo parlare dei sondaggi falsi?  tutti naturalmente a sfavore del Pd, come risulta da una ricerca dell’AgCom.

Cosa vogliamo dire?

Semplicemente una cosa, è vero, questo muro di cemento armato contro il Pd e contro il suo segretario, dà i suoi frutti, non c’è dubbio. Il Pd però  rimane ancora l’unico grande partito organizzato e soprattutto l’unico a essere dotato di un corposo team di donne e uomini ipercompetenti.

Il fuoco concentrico a cui è stato sottoposto, per ora lo ha solo scalfito. La scissione ha sì portato via un certo numeri di voti, ma dopo la presentazione di LeU, del suo pseudo-programma e l’invenzione a tavolino del suo leader, molti dei voti usciti dal Pd, al momento si sono diretti verso l’astensionismo e non è detto che non tornino a casa.

Per chiudere, ora sta a noi. Il primo lavoro da fare è smontare la bufala interplanetaria del Pd finito, del Pd in crisi e soprattutto non rimanerne vittime proprio noi.

Buon lavoro.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

9 risposte a Come i media determinano il voto degli Italiani

  • Concordo pienamente. Scriveva il giovane studente Giacomo Ulivi, fucilato dalle Brigate Nere nel 1944 a Modena, che il più terribile risultato di un’opera di diseducazione ventennale è stato quello di inchiodare in molti italiani il pregiudizio della sporcizia della politica. E questa abdicazione ha determinato le più gravi sciagure che si sono abbattute nel nostro paese.

  • eccellente articolo pienamente condivisibile. Come posso fare per avere i vostri aggiornamenti?

  • Analisi abbastanza condivisibile. Renzi a cui si possono addebitare molti errori tattici, ha avuto il coraggio di fare leggi che i suoi detrattori esterni e interni non hanno mai avuto la forza di imporre ad una classe politica
    autoreferenziale e inetta.Da qui l’odio mortale.

  • Max

    Il PD ha fatto scelto coraggiose ha dimostrato di saper governare, tante le cose fatte sia dal punto di vista quantitativo sia dal punto di vista qualitativo.

  • Oggi lavoro!
    Occhio che aprendo la pagina appariva l’avviso di una favolosa vincita….
    Credo vi abbiano bucato…
    Però l’articolo è ottimo anche se l’editing web rompe…
    Provo a condividere.
    Ciao

  • assolutamente d’accordo con quanto contenuto nell’articolo.Aggiungo che da tempo predico questo fatto che è tra l’altro di una solare evidenza.Esiste veramente una ammucchiata sordida di sordidi individui,giornalisti,ecc che ha come solo ed unico scopo annullare rRenzi ed il suo nostroPD.Non lo avevamo calcolatto questo presi da entusiasmo e speranza.Andiamo avanti!

  • Finalmente!Si comincia a sentir parlare della boiata” La Casta” dei milionari Stella & Rizzo che ha dato il la all’attacco alle istituzioni da parte di una platea che pro domo sua le ha disastrate. Ovviamente il secondo obiettivo è il PD e Renzi l’usurpatore.Ma…… ” no pasaran” gridava nel 36/39 Dolores Ibarruri “La pasionaria” e continuiamo a fare nostro il suo grido di libertà!

ULTIMI POST

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto

LEOPOLDA 9 – cosa ci si aspetta?

Un appuntamento importante, che si prevede essere più affollato dello scorso anno, qualora fosse fisicamente possibile. Le aspettative sono tante …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]