COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

LA MONTATURA GRILLINA E LA CONNIVENZA DELL’INFORMAZIONE

I miei amici ogni volta che leggono o ascoltano un esponente grillino, lo accusano di ignoranza. È vero?
Forse, ma non è questo il punto. Nessun parlamentare 5Stelle quando parla dice quello che pensa, nel movimento non è permesso pensare, per questo vengono accuratamente scelti elementi non pensanti.
Quindi possiamo ritenere che lo staff supremo di Milano non conosca l’ordinamento italiano, non conosca la Costituzione? Direi di no. L’obiettivo è colpire emotivamente la parte più ignorante e analfabeta del nostro paese.
A quelli puoi raccontare tutto, che ci si può decurtare lo stipendio, che quello che si decurtano va alle aziende, che il loro sistema di reclutamento dei candidati, che è una pesca a strascico, dove nella rete rimane solo il peggio, offre garanzie di onestà e competenza maggiore dei partiti che allevano, coltivano, persone, che le introducono in politica e in amministrazione, tramite lunghe gavette.
Si può credere anche alle scie chimiche, ai no-vax, alla decrescita felice, finanche a far credere agli Italiani che le elezioni politiche siano come quelle comunali. Perché è questo che loro stanno facendo passare. A partire dai numeri, in ogni comune Italiano conquistato dai 5stelle, la percentuale raggiunta a primo turno, va dal 20 al 27%. Le giunte le hanno sempre guadagnate al ballottaggio.
La nazione è un’altra cosa, non c’è ballottaggio e non ci sono premi. Nei comuni partendo da quelle minoranze esigue raggiunte al primo turno, vincendo al ballottaggio sono riusciti a creare vere e proprie dittature dei comuni, dove hanno piazzato amici e parenti in ogni luogo, dove le opposizioni sono state annullate, derise, mortificate.
Qui la storia è diversa, cari amici. Il M5S, o prende il 51% dei seggi o sta all’opposizione, non ci sono santi che tengano. Alle comunali, possono anche presentare prima del voto la lista degli assessori, è legittimo, gli assessori li sceglie il Sindaco . Alle nazionali no, nessuno sa chi potrà formare un governo e chi il Presidente incaricherà per questo scopo. Figuriamoci la lista dei Ministri.
Detto questo, due considerazioni mi frullano in testa:
1) Il 5 Marzo sapremo a quanto ammonta la percentuale di ignoranza in Italia. Ma dico già subito che anche fosse il 15% ritengo sia una cifra enorme, preoccupante. La matita che diamo in mano a questa gente per mettere una croce è un’arma atomica, può distruggere un paese.
2) Com’è possibile che i media assecondino e amplifichino questo sistema terroristico? In un paese civile con sistema parlamentare, un esponente politico che in un dibattito pubblico parli di lista dei ministri prima del voto, lo si butta fuori a calci nel di dietro, altro che discernere della qualità e della storia dei candidati. Parlarne è già legittimare qualcosa di altamente incostituzionale.

E lasciatemelo dire, questo movimento è fuori dalla costituzione in ogni sua sfaccettatura, in ogni sua azione, in ogni suo progetto. Altro che Forza Nuova. Quelli sono pivelli. Ma ripeto, i media sono conniventi.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

Una risposta a LA MONTATURA GRILLINA E LA CONNIVENZA DELL’INFORMAZIONE

  • Convengo totalmente! La distruzione della fiducia popolare nelle Istituzioni,a torto o ragione,è iniziata con tangentopoli e proseguita con il libello “La Casta” le cui vendite hanno fatto diventare milionari due pennivendoli di mezza tacca,tali Stella & Rizzo del Corriere.Mai sentiti prima. Panflet,inutile, che ha dato la stura ad una miriade di libri(?),j’accuse e di macchine del fango come mai se ne erano visti,non solo in Italia ma,ritengo,in tutto l’orbe terracqueo.Da lì tutti gli attuali Savonarola che vomitano le loro sozzure quotidiane sulla politica,i politici e le Istituzioni.

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]