COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Ecco a voi la giunta 5stelle che doveva essere il modello Italia

Nettuno, ridente cittadina della provincia romana. Nella foto Beppe Grillo assieme a tutto lo staff del Movimento, compreso l’aspirante Premier, festeggiano la loro vittoria, la conquista del Comune di tre mesi prima. Dietro la porta del palazzo comunale un ponteggio, posto durante il commissariamento per un cornicione pericolante. Era il 7 Settembre 2016, quel ponteggio come vedete dalla foto scattata oggi è ancora lì. Riparare il cornicione della Casa dei cittadini, è un problema troppo grosso per una giunta grillina.

Giunta caduta questa settimana in malo modo. Sistema Marino, firme dal notaio. In questo caso però diremmo, sistema Chiavetta, il precedente Sindaco di centro sinistra, anche lui caduto per le firme dal notaio dei consiglieri, per ragioni mai chiarite.

La storia di questa città e di questa giunta è però significativa per la situazione nazionale in cui viviamo.

È talmente colma di particolari, episodi, vergogne e scandali che ci vorrebbe un’enciclopedia per raccontarla.

Cominciamo dalla giunta precedente. Il sindaco del Pd è investito da una serie di indagini, promosse da personaggi locali in divisa. Le accuse sono talmente tante e pesanti che il Pd alle elezioni arriva quarto.

Vince 5S pur partendo da una percentuale contenuta. Il Sindaco, un vicequestore, si dimostra da subito bravo nel suo lavoro. Mette in piedi, non una giunta ma una stazione di polizia. Guardacaso ricompaiono in giunta quei personaggi che avevano indagato il sindaco precedente, e qui va detto che al momento tutto quanto arrivato in giudizio si è risolto a favore della giunta precedente.

Le anomalie e gli atti scandalosi sono all’ordine del giorno, a cominciare dall’anomalia di un Sindaco che continua a fare il suo lavoro in questura in barba al Tuel. Seguono, la spartizione delle poltrone a tutti gli amici grillini. Seguono atteggiamenti da stato di polizia, mai visti in un paese democratico.

Le controversie con la Corte dei Conti, con il Tar, con Cantone, sono innumerevoli. Per fare un esempio, il palco che vedete in foto che ha ospitato la festa grillina è sotto inchiesta perché le spese sono state addebitate al Comune.

Oggi la giunta cade, non per questioni politiche, semplicemente per dissidi interni, litigi per spartizioni.

Cosa lascia dopo due anni? Il nulla, solo una città ridotta a una città del terzo mondo.

Questa secondo Grillo era il modello Italia. Meditiamo.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]