COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Gli Italiani erano stati avvertiti di cosa sarebbe successo oggi

 

Gli Italiani erano stati avvertiti di cosa sarebbe successo oggi

Sentiamo parlare ogni giorno e in ogni ora, stampa e politici dell’eventualità di procedere a una nuova legge elettorale per poi tornare ad elezioni.

Ci siamo posti una domanda:

Nelle attuali condizioni, esiste una legge elettorale possibile che garantisca una maggioranza sicura?

Questi i nostri dubbi:

 1) Si parla di premio di maggioranza. Non stiamo parlando del Porcellum? Il Porcellum in condizioni migliori di quelle esistenti, non aveva già dato due volte maggioranze traballanti? Il Porcellum non è stato bocciato dalla Consulta ?

2) Sentiamo parlare di sistema Francese. Di quale parlano? L’elezione del Presidente? Che c’entra con il nostro sistema Parlamentare? Quello Legislativo? Non è un maggioritario a doppio turno per collegio? Sbagliamo a pensare che non cambierebbe di una virgola il risultato del Rosatellum? Ovvero con il nord alla Lega e il Sud ai 5S ?

3) Che altra soluzione sarebbe possibile, senza cambiare la Costituzione ?

L’ultima domanda l’abbiamo posta al Professor Carlo Fusaro, noto Costituzionalista. Questa la sua risposta:

 

 

Non c’è legge elettorale che dia garanzie, senza prima cambiare la Costituzione. Questo è un dato di fatto. La certezza (o anche solo l’altissima probabilità) dipendono da sistemi elettorali a premio che però presuppongono quanto meno la riduzione dell’età per votare al Senato da 25 a 18 anni (revisione cost.), ma più probabilmente il rapporto fiduciario con una camera sola.

 

Ecco questo è il conforto che volevamo avere da un tecnico. E con questo vorremmo dire ai nostri elettori:

non fatevi prendere in giro, rimandate al mittente le accuse che vi fanno ogni giorno i penta stellati  con “tutta colpa della vostra legge”. Alle condizioni attuali nessuna altra legge avrebbe cambiato la situazione.

Noi ricordiamo il lungo lavoro dei Saggi, ricordiamo gli studi fatti sulla situazione Italiana (e non solo) dai diversi esperti, che arrivarono poi alla conclusione che solo l’Italicum appoggiato da una riforma costituzionale poteva dare governabilità a questo paese. I cittadini hanno voluto ascoltare cattivi consiglieri, hanno votato non secondo coscienza o riflessione, ma secondo simpatie e antipatie. Adesso non se la prendano con chi li aveva avvertiti , lo facciano con chi li ha tratti in inganno.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

2 risposte a Gli Italiani erano stati avvertiti di cosa sarebbe successo oggi

  • Bisognerebbe spiegare bene e più diffusamente questi concetti.
    Queste forze politiche che oggi, a loro dire, hanno vinto le elezioni del 4 marzo u.s., hanno tutte votato contro le riforme poste al vaglio del referendum del 4 dicembre 2016, oggi scaricano sulla legge elettorale, votata per altro a stragrande maggioranza in Parlamento, l’impossibilià di formare un governo.
    Altro che interesse dei cittadini, questi, bocciando il referendum del 4 dicembre 2016, hanno creato danni incalcolabili.

  • La parte più difficile è quella di far arrivare agli elettori le informazioni giuste. Impresa molto difficile quando il web è manovrato e la stampa è asservita al mecenate di turno.

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]