COORD. ADRIANO AMATO

PENSIERINO FRA ME E ME

Ripenso a una settimana fa, quando la cronaca diceva che Conte aveva già preso congedo dall’Università, lo stesso per alcuni Ministri in pectore. Ricordo di aver pensato: ma non vanno un po’ troppo di corsa? Dove sta questa certezza che questo fantomatico governo si realizzi?

Erano pensieri sfuggenti ma dettati dal fatto che qualcosa non quadrava. Un’alleanza, a mio avviso naturale, lo dico da anni che gli elettori del M5S sono di estrema destra, molto di più di quelli della Lega.

Interessi e strutture però molto diversi. La Lega ha basi solide al nord, nel Nord produttivo, amministra tutto. Il suo elettorato storico, non quello acquisito con le campagne xenofobe di Salvini, è un elettorato moderato. Il M5s non amministra nulla, dove ci ha provato, ha fatto solo dei gran disastri, si è dimostrato composto di incapaci, improvvisatori, arroganti, e lasciatemelo dire, anche di arrivisti, inciuciatori, intrallazzatori, tali da far invidia alla peggiore Dc degli anni d’oro. Il loro elettorato è tutt’altro che moderato, va dall’ignoranza estrema all’estrema destra, con qualche punta di estrema sinistra.

Ripeto, qualcosa non quadrava. Un Salvini che alzava il prezzo di giorno in giorno, che sembrava volesse arrivare solo alla rottura. Un Di Maio, accucciato, steso, prono, che in pochi giorni ha mandato a farsi fottere tutto il programma e gli elementi storici del Movimento. Tutto, pur di arrivare al governo.

Un Presidente della Repubblica, che come suo dovere gli ha lasciato fare tutto, gli ha dato tutte le proroghe possibili e inimmaginabili, li ha aiutati, spronati, consigliati, messi d’accordo.

Mattarella ci credeva? Non credo. L’ha fatto perché doveva farlo. Questi erano i partiti più votati, il PdR doveva fare di tutto per portarli a governare e l’ha fatto. Non doveva dare alibi, che forse qualcuno di loro cercava, per poter dire ai loro elettori: “abbiamo vinto ma non ci fanno governare”. Ma non ci credeva.

Inutile oggi chiederci se era tutta una farsa, cosa ha in mente Salvini? vincere le elezioni con Berlusconi? probabile. Vincere le elezioni senza Berlusconi e governare con M5s ma da una posizione di forza? probabile. Ha solo eseguito gli ordini di Putin? probabile. Quello che è certo è che visti i sondaggi, il Felpa al momento ha vinto tutto.

Alla luce di tutto questo, è così strano che il Presidente avesse pronto un piano B ? no, secondo me è solo lungimiranza, esperienza. Poi lui la situazione la conosceva da vicino, non come noi attraverso le fantasie dei giornalisti.

È solo un pensierino, ma volevo suggerirlo ai dietrologi professionisti che sto leggendo da ieri.

Poi nei prossimi giorni parleremo di Cottarelli, uomo odiato e deriso quando era in auge, idolatrato e invitato ovunque quando uscito dal governo Renzi, e oggi? Ne vedremo delle belle, a me già viene da ridere.. se non fosse che c’è da piangere.

Se trovi interessante quello che scriviamo, guarda qualche pubblicità, ci aiuterà ad investire in ricerca e a te non costa niente. Grazie

ULTIMI TWEET

Segui @politecait su Twitter.

ARCHIVIO ARTICOLI
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930