COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Basta con il politically correct

Sì, lo voglio dire forte ai miei amici, perbenisti, attendisti, comprensivi: non ne posso più delle vostre frasi secondo le quali sarebbe vietato criticare, bisognerebbe aspettare, “lasciamoli fare”, “vediamo cosa sanno fare”.

BASTA!

La politica non è questa. La politica è analisi e critica e l’analisi si fa anche sui progetti, sulle proposizioni, sui programmi. L’opposizione è questa, e più si ritiene che i provvedimenti possano essere pericolosi per il paese, più forte si deve gridare il proprio dissenso. Altrimenti a cosa serve l’opposizione? A criticare quando il danno è compiuto ed è irreparabile? In quel modo siamo capaci tutti.

Aggiungo un altro particolare, chi mi viene a dire, non facciamo come hanno fatto loro con noi, vuol dire che non ha veramente capito nulla di cosa è successo.

Una cosa è essere attenti, pronti, analizzatori e critici, non lasciare passare nulla impunito, questa è opposizione.

Diverso è accusare quotidianamente gli avversari di fatti mai successi, creare in serie bufale da dare in pasto al popolo. Quella non è opposizione, quella è delinquenza intellettuale. E questo hanno fatto quelli che oggi governano e quello non lo faremo mai.

Non è un paese civile quello dove un quotidiano nazionale che vende niente ma crea molta opinione, come il Fatto, ha incessantemente coperto di bufale e calunnie l’ex maggioranza e oggi chiede agli altri di abbassare i toni e aspettare.

Io personalmente, noi di Politeca, non abbasseremo proprio niente. Non ci siamo limitati nei toni nemmeno con elementi interni, cui non abbiamo risparmiato alcuna critica, figuriamoci se lo faremo con chi riteniamo oggi rappresenti un grosso pericolo per il paese e la democrazia.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

2 risposte a Basta con il politically correct

  • Love ❤️

  • Molto ben detto. Rappresenta la mia stessa opinione. Ma non mi voglio ripetere soprattutto verso quell’ambiguo personaggio che è Travaglio che è semplicemente irritante quando difende a spada tratta tutte le nefandezze dei 5S , pretendendo di essere considerato neutrale offendendo così l’intelligenza degli ascoltatori. Un suggerimento: provi a guardare la sua faccia quando mente spudoratamente. Avrei molto da dire in merito -alle nefandezze ed al preteso accordo con il PD, ma me lo riservo quando avrò più tempo.

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]