COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

NOTIZIE DAL MONDO – CAP. 5

 

SIRIA

Prosegue l’offensiva a sud-sud ovest del Paese. Nawa, una città di 100.000 abitanti che non si è arresa ai Russi, sta subendo in questo momento un bombardamento punitivo “alla siriana”. Nell’ultima fornitura di vietnam si era detto che il nome da segnarsi in agenda era Quneitra, la città nell’estremo ovest della Siria, praticamente incastrata sul confine con Israele. Bene, dopo il solito lungo bombardamento preparatorio l’offensiva di terra è iniziata. L’esercito siriano ha iniziato a conquistare i villaggi del circondario e le alture prospicienti la città. Israele è lì, a un tiro di schioppo. Vedremo.

Ricordiamo che nell’area di Daraa esiste un enclave ISIS, proprio a ridosso del confine giordano. L’ISIS ora si è arroccata a Tasil e l’aviazione li bombarda. L’idea è schiacciarli sul confine giordano e distruggerli.

A est invece l’offensiva delle milizie arabo-curde contro l’ISIS continua, lenta ma costante; ISIS ha perso molto terreno, il momento dello scontro che si immagina essere risolutivo – perché dovrebbe determinare la perdita dell’ultimo territorio in mano a Daesh in Siria – si sta avvicinando. La battaglia finale dovrebbe svolgersi ad Hajin. Ma non sarà per domani.

ISRAELE

Israele ha mobilitato. Attualmente il Paese si trova a combattere su due fronti, a nord contro Hamas, ed in Siria contro Hezbollah e Iran. L’aviazione Israeliana colpisce senza ritegno basi iraniane in Siria. In pratica Israele è in guerra con l’Iran in un Paese terzo. È evidente che Putin chiude un occhio, le batterie antiaeree Russe di ultima generazione piazzate in Siria non danno cenno di vita quando gli aerei con la stella di Davide colpiscono le basi delle milizie sciite filo-iraniane.

YEMEN

Il porto di Hodeida non è ancora stato del tutto conquistato, Sauditi ed Emiratini hanno fatto affluire ulteriori rinforzi. Come detto Hodedia è strategica, perché da quel porto arrivano le forniture iraniane ai ribelli Houti. Mah… le forniture ai ribelli, se non arriveranno più da lì arriveranno, magari più scomodamente, da qualche altra parte. Del vietnam yemenita non si vede traccia di una possibile conclusione.

LIBIA

Il Generale Haftar si è deciso a restituire i porti alla compagnia nazionale petrolifera NOC. È un piccolo passo avanti, ma i recenti scontri nella mezzaluna petrolifera hanno reso il Paese ancora più instabile e pericoloso di quanto fosse prima. Ammesso che sia possibile. L’inviato dell’ONU Salamé ha fatto recentemente la sua relazioncina sulla Libia all’ONU; ammesso che la cosa interessi a qualcuno, Salamé ha ribadito che “la Libia è un Paese in cui i profughi e i migranti non possono assolutamente essere ospitati”. Le future elezioni libiche ad ottobre? Ormai non ci crede più nessuno. Neanche Salamé.

MONDO

Giovanni Arpino aveva definito una certa categoria di giornalisti: “Le Belle Gioie”. Le Belle Gioie sono quei giornalisti sempre pronti a metterci una fetta di miele sul pane della prima colazione. Dopo l’incontro Putin-Trump a Helsinki  le Belle Gioie ci stanno spiegando che, come per magia, tutto in Siria si sistemerà : Iraniani ed Hezbollah si ritireranno nelle loro case a fare lavori all’uncinetto, Assad riavrà la sua Siria ed anche gli uccelli faranno ritorno. A questo punto il vostro fornitore di vietnam si permette una considerazione: l’Iran ed Hezbollah hanno sacrificato così tanti uomini, così tanti mezzi economici, per poi dire: “Ah, vabeh, se Putin non vuole adesso ce ne andiamo”? Difficile crederlo. L’Iran è entrato in campo per restarci, l’Iran è entrato in campo per poter ottenere il risultato di avere il confine israeliano del Golan ad un tiro di missile.

La risposta Russa alle reiterate richeste USA ed Israeliane è arrivata alcuni giorni prima del vertice di Helsinki – il 4 di luglio – per bocca di Sergej Viktorovic Lavrov, Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, il quale ha dichiarato: “Chiedere all’Iran di abbandonare il teatro siriano è un approccio semplicistico e alquanto irreale”. Punto.

Dunque, tramontato il sogno di una Siria de-iranizzata, se vogliamo parlare di reali speranze per una stabilizzazione del sud siriano queste, molto più prosaicamente, si appoggiano su un accordo tra USA, Israele e Russia, che delega a quest’ultima la responsabilità del controllo dei confini tra Siria, Giordania e Israele. È stato siglato un accordo del genere? Il vostro fornitore pensa di sì. Funzionerà? Vedremo.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]