COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Riflessione sul reddito di cittadinanza

Che il Reddito di Cittadinanza sia erogato tramite una forma di “carta”, con limitazioni sui possibili acquisti non è anomalo. Era così il SIA ed è così in parte per il REI, per cui decidemmo di consentire un prelievo di contanti pari a metà della somma assegnata. Questo per bilanciare l’esigenza di flessibilità con quella di evitare l’utilizzo improprio delle risorse. 
Evitare di utilizzare una carta ad hoc sarebbe sicuramente meno stigmatizzante (ma non vale per la tessera sanitaria, qualcuno di voi paga al supermercato con la tessera sanitaria?), ma come si supera il problema delle tante famiglie che non possiedono un conto corrente? E soprattutto, questo ipotetico marchingegno che dovrebbe controllare ogni acquisto, oltre a violare le norme sulla privacy, quanto costerebbe?  Un conto è una limitazione ex ante (quindi stesso concetto del Rei ma con impossibilità uso contanti) Ma se davvero avvenisse come dicono ex post, quale sarebbe la “sanzione” per chi ha acquistato un bene giudicato non di necessità? Glieli facciamo restituire (come se sono in condizione di povertà?), li multiamo, gli sospendiamo il sussidio? Ma soprattutto, esisterà un elenco dei beni acquistabili, che le persone in difficoltà dovranno conoscere a memoria? E cosa significa che i soldi devono essere spesi in Italia? 

Al netto di quello che a me pare veramente un impianto folle, farraginoso, molto più che stigmatizzante, mi colpiscono 4 cose:

  1. Il M5S nella sua pdl auspicava di arrivare presto al reddito di base, quindi un reddito elargito senza condizionalità e alcun controllo, nell’idea che la condizionalità non porta risultati e i controlli costano; ora sono giunti a ipotizzare controlli stile Grande Fratello.
  2. Il M5S parla di decrescita felice e ora vuole “pompare” i consumi in maniera artificiosa, obbligando le persone a spendere (con quali effetti di educazione economica e finanziaria è facilmente immaginabile)
  3. Il M5S non ha attualmente un disegno chiaro di come strutturare la misura che è stata il suo cavallo di battaglia, su cui hanno costruito una quantità incredibile di propaganda ma evidentemente senza trovare il tempo di studiare un pochino la vasta letteratura sull’argomento e costruire con gli esperti un’ipotesi sostenibile.
  4. La soglia base di 780 euro per la singola persona è evidentemente fuori scala, al punto che si teme che i soldi non vengano spesi. In realtà questo è il problema minore, quello maggiore sono gli effetti sulla disincentivazione al lavoro regolare, ma questo non li ferma perché non possono tornare indietro sulla propaganda.

Terribile!

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto

LEOPOLDA 9 – cosa ci si aspetta?

Un appuntamento importante, che si prevede essere più affollato dello scorso anno, qualora fosse fisicamente possibile. Le aspettative sono tante …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]