COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

DARIO CORALLO CANDIDATO SEGRETERIA PD

dario coralloQui di seguito il post con cui Dario Corallo, trentenne esponente romano dei Giovani Democratici annuncia la sua candidatura alla segreteria nazionale del Pd.

Cari tutti,
questa foto l’ho scattata ieri alla marcia della pace e benché io oggi non riesca a camminare dal dolore alle gambe, sono contento. Sono contento perché ho rivisto quello che naturalmente dovrebbe essere il nostro popolo, quello fatto di tante persone che sono mosse dal solo desiderio di cambiare un pezzetto di mondo.
Quello che vedete è lo stesso popolo che negli anni i nostri dirigenti ci hanno detto che avremmo dovuto odiare, quello fatto di persone che militano in altri partiti o in associazioni che hanno avuto da ridire su alcune cose fatte dal PD e che, invece che essere ascoltate, sono state insultate.
È inutile che i nostri dirigenti si facciano due dei 25 km di marcia giusto il tempo di farsi la foto giusta, poi fatta girare ad arte. È inutile se poi, quando governi, vai in direzione opposta e contraria.
È inutile se poi, quando perdi, dici che quel popolo non ha capito.
È inutile perchè quel popolo lì non vi crede più.
E sinceramente a non credervi siamo in tanti.
Quanto state per leggere qui sotto potrà sembrarvi uno scherzo, ma non lo è. 
Ve la faccio estremamente breve e arrivo subito al punto: mi candido alle primarie del PD.
Lo faccio per una serie di motivi abbastanza semplici e, allo stesso tempo, cruciali.
Sono 6 mesi che aspettiamo che qualcuno si renda conto che abbiamo preso il 18%.
È inutile dire “abbiamo capito” se poi ci prepariamo a celebrare congressi con gli stessi che hanno distrutto tutto. Prima di qualsiasi proposta e di qualsiasi slancio occorre dirci con chiarezza che è necessario un azzeramento di ciò che il Pd è stato fino a oggi.
Basta con un partito forte con i deboli e debole con i forti.
Basta con la cooptazione clientelare della classe dirigente.
Basta con i notabili che con il controllo di pacchetti di tessere preservano la loro posizione indipendentemente da chi svolge il ruolo di Segretario Nazionale.
La rottamazione non c’è stata: è tempo, per noi Democratici di una vera Rivoluzione.
Dobbiamo andare oltre i limiti e le ambiguità di questo primo decennio di vita del Partito Democratico, che ha sempre chiesto il voto delle classi popolari per poi tradirle in favore dei soliti noti una volta al Governo.
Tutto questo è avvenuto senza mai tenere in considerazione quelle che potevano essere le proposte della base che teneva l’orecchio ben saldo nel proprio territorio.
Quando gli iscritti di un partito che si definisce Democratico hanno avuto voce in capitolo su temi fondamentali come il lavoro, il rapporto con l’Europa, l’inserimento nella Costituzione del pareggio di bilancio?
Quando abbiamo deciso di assecondare l’attacco fascistoide alla democrazia tramite l’eliminazione del finanziamento pubblico?
Quando abbiamo deciso che lo ius soli non fosse una priorità?
Quali interessi rappresentiamo? Quelli del popolo sovrano o quelli di qualche finanziatore?
Noi saremmo dovuti essere il partito che avrebbe coinvolto il popolo nella gestione del potere e dopo 10 anni ci ritroviamo con un parlamento senza lavoratori e composto da soli professionisti: avvocati, medici o imprenditori.
Noi siamo un gruppo di persone pronte a candidarsi perché crediamo ancora nelle ragioni fondative di questo Partito. Per farlo dobbiamo liberarci dei dirigenti nazionali che lo hanno tenuto in ostaggio in questo decennio e di quelli intermedi che hanno obbedito a tutto con toni entusiastici in una sindrome di Stoccolma. Dirigenti ed eletti che non rappresentano nessuno e che hanno bisogno di rimanere al proprio posto perché senza alternative ma con schiere di lacchè che sperano un giorno di poter essere cooptati.
Noi pensiamo che il PD abbia bisogno di uno statuto totalmente nuovo dal primo all’ultimo articolo e al suo fianco di un Programma fondamentale totalmente nuovo che tracci l’azione del principale partito della sinistra italiana non da qui alle Europee, ma da qui ai prossimi 30 o 50 anni.
Lo faremo senza mezzi, contro questo spettacolo ridicolo di dirigenti fallimentari che oggi chiedono di poter continuare a governare questo partito spacciandosi per il nuovo che avanza.
Noi siamo i delusi, quelli che sono iscritti ma si sentono soli, quelli che erano iscritti e hanno mollato, quelli che non sono mai stati iscritti ma un un tempo votavano e che ora non ci credono più.
Se anche a voi il Partito Democratico così com’è non sta bene, se nei vostri circoli, nelle vostre federazioni, al Nazareno vedete anche voi gli stessi limiti e gli stessi problemi di cui sto parlando, se in definitiva siete alla ricerca di un partito diverso dalla topaia che vediamo tutti i giorni, uniamoci per far essere davvero nuovo il Partito Democratico!

 

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI POST

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto

LEOPOLDA 9 – cosa ci si aspetta?

Un appuntamento importante, che si prevede essere più affollato dello scorso anno, qualora fosse fisicamente possibile. Le aspettative sono tante …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]