COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Strane storie intorno al caso Minzolini

Intanto vi racconto questa, una bazzecola, ma che incuriosisce.

Minzolini  illustra nella sua difesa il problema di essere stato giudicato da un Magistrato precedentemente in politica in parte avversa.

Mi incuriosisce, voglio sapere chi è. Nel web non c’è traccia, tutti raccontano la storia e nessuno fa il nome. Allora cerco la sentenza, la trovo, e inquadro il personaggio imputabile. Io naturalmente guardo l’ultima sentenza, quella definitiva del 12.11.2015. (vedi sentenza).

Poi arriva Manconi e invece parla di Sinisi, e subito dopo tutti parlano di Sinisi. Quindi si parla della sentenza precedente, quella di secondo grado del 27/10/2014.

Chi è Giannicola Sinisi?  prestato alla politica per una ventina d’anni. Sindaco di Trani, sottosegretario dell’Ulivo con i governi Prodi e D’Alema, molto vicino all’ex presidente Giorgio Napolitano, candidato alla Regione Puglia, poi senatore ulivista.

Poi torna e giudica Minzolini.

Oggi invece si scoprono le carte, e adesso sappiamo che Minzolini si riferisce a Stefano Mogini, come io avevo supposto e che come vedete è relatore della sentenza definitiva .

Mogini ha una lunga storia, ma anche lui prestato alla politica, è stato Capo di Gabinetto del Ministro Mastella e praticamente facente veci di Prodi dopo le dimissioni del Ministro. Assieme a Scotto e.. Manconi. Lui, sempre lui, il marito della Bianca senza carta, uno di quelli che ha votato contro l’interdizione.

Mogini è anche noto per essere il Magistrato che si occupa del caso Ruby.

Sempre per la cronaca ci risulta che Renato Brunetta il 24/11/2015 abbia presentato in Parlamento una interpellanza al Ministro di Grazie Giustizia, che potete leggere qui e constatare che tutto il caso scoppiato solo oggi sui media era già noto. (vedi interpellanza)

Questa è solo cronaca. Se poi invece vogliamo parlare di politica, non sappiamo da che parte cominciare. Credo che non ci sia dubbio che la Giustizia in questo paese abbia bisogno di riforme serie, radicali, sostanziali e soprattutto efficaci.

Sappiamo ad esempio che è in atto la modifica del processo di secondo grado, diciamo un passo avanti, ma anche un’arma a doppio taglio, se non si pone rimedio a tutto il resto.

Questo episodio però ci insegna anche ad analizzare i fatti per quello che sono e non a decidere secondo l’appartenenza politica del soggetto.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]