COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Pomezia: un disastro annunciato ?

Ho ascoltato poco fa in diretta un’intervista a Fucci (sindaco m5s di Pomezia). Risposte molto equilibrate e di buon senso. Mi piacerebbe che lui e i suoi amici usassero lo stesso metodo quando si parla degli altri, ma è chiedere troppo.

Rimane la perplessità: ha ricevuto un anno fa la denuncia dei cittadini e l’ha girata alle autorità competenti. E poi ? se n’è lavato le mani?

Fermo restando che la denuncia verteva sul fatto che i cittadini vedevano accatastamenti di materiale a cielo aperto e quindi, che significa? È vietato? È pericoloso? La mia impressione è che non c’entri nulla.

A mio umile parere, da ignorante in materia, la curiosità è indirizzata su due fattori.

  • È chiaro che questi laboratori non siano dotati di sistemi di sicurezza idonei. Mi è capitato di avere a che fare con luoghi di produzione di materiali incendiabili e i sistemi sono talmente rigidi per cui è impossibile che tutto vada a fuoco. Quali sono le norme attuali? Quelle vigenti, sono rispettate? A chi spetta il controllo?
  • Che la categoria “monnezza” sia un affare troppo ghiotto e che frutta bene e quindi molto appetibile per le mafie, lo sappiamo da tempo. In questo caso che si tratti di incendio doloso non solo non è da escludere ma da ritenere molto probabile.

E allora, due considerazioni.

Siamo sicuri che questo non sia un settore da riportare nel pubblico? Ovvero, creare consorzi fra comuni o regionali, sia per la raccolta, sia per lo smaltimento? Il problema è enorme, le disfunzioni sono tante e i costi troppo variabili tra comuni e comuni. I disservizi sono molteplici, le aziende che vincono gli appalti, qualche volta sono in odore di mafia e nessuno se ne accorge, qualche volta ereditano personale ambiguo dall’azienda precedente e vengono ingiustamente fermate. È un disastro, pensiamoci. Gli stabilimenti: non parliamo dei grandi centri come quello di Brescia, chiaramente ben controllati. Ma quelli locali, piccoli, chi ci dice che siano veramente a norma, chi ci dice che i controlli siano seri?

Infine una curiosità politica. Cosa dicono della possibilità di infiltrazione mafiosa, i pentaintegerrimi, quelli che hanno sempre in bocca Mafia Capitale, quelli che con questa parola sono riusciti a “rubare” il governo della Capitale?  E mi piacerebbe sapere anche gli stessi che fanno quotidianamente barricate contro la costruzione di centrali, molto meno pericolose di questa, dove erano mentre una centrale in un loro comune era così male attrezzata e gestita?  No, perché attenzione, questo non è l’unico caso dubbio in questione a Pomezia. E non parliamo dell’altro comune grillino della zona.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]