COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Un’altro episodio che conferma il muro di gomma fra poteri forti

Descrizione del libro (della casa editrice)

Marco Lillo, primo a svelare l’inchiesta Consip, pubblica le nuove notizie sull’indagine. Un affresco inedito sul Giglio magico del neo segretario del Pd.

Ci chiedevamo: altra operazione di marketing come quella di Ferruccio?

Molto peggio. E forse ce lo dice ingenuamente proprio la casa editrice: “il primo a svelare”. Cosa? Quali carte segrete?

Carte false, un caso bufala montato.  In un paese normale, un giornalista che si chiami giornalista, una editrice degna di questo nome, un libro che parla di un caso che non esiste, completamente smontato, dovrebbe andare al macero. O probabilmente non dovrebbe proprio essere stato stampato, visti i tempi. Dovrebbero fare di tutto per farne perdere le tracce e per non perdere la faccia.

Invece si pubblica, e non solo, con lo stesso sistema del metodo Ferruccio, si anticipano i contenuti.

E ancora peggio, si pubblica un’intercettazione (inutile), dimostrando senza il minimo pudore, la connessione ferrea tra quel giornale e parti deviate della Magistratura.

A mio modesto avviso, solo un’ulteriore piccola conferma al problema di cui personalmente parlo da diverso tempo.

Se non avete niente da fare rileggetevi questa mia riflessione del 2016.

Riporto qui solo una frase:

“Guardatevi da quel muro di gomma formato da Casaleggio (e multinazionali associate) Il Fatto (e stesse multinazionali associate) Alcune televisioni e alcuni altri giornali, Magistratura, Sindacati. Tutti uniti e compatti contro chi vuol cambiare l’Italia e le sue anomalie. Uniti ed efficaci, perché utilizzano i mezzi moderni di persuasione, molto più produttivi delle rivoluzioni armate di una volta.”

Sbagliamo se riportiamo il tutto contro qualcuno di questi tanti cialtroni perché questi sono strumenti. Incapaci di fare il loro mestiere, che non in realtà non hanno mai fatto, si lasciano usare come squallide pedine.

La cosa che più mi sconvolge in tutto questo è l’atteggiamento di alcune parti della società.

La sinistra-sinistra e i giovani. Ovvero quelli che dovrebbero essere i maggiori progressisti e rivoluzionari, si lasciano impigliare nelle maglie di un disegno reazionario, conservatore e dai tratti più fascisti dello stesso Mussolini. Solo ed unicamente per questo odio innato, viscerale contro il Toscano. Devo anche dire che quando ti succede come mi è successo ieri, che due esponenti di questa schiera rispondono a una mia opinione (forte, lo ammetto) con: “non ti consento di”, ti rendi conto che certi atteggiamenti in gente che in qualche modo discende da quegli ideali del Fascio ormai non li vedi più. In certi nostri compagni di viaggio sì. Inutile dire che la cosa mi mette addosso tanta amarezza, tanta tristezza.

 

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

Una risposta a Un’altro episodio che conferma il muro di gomma fra poteri forti

  • La cosa incredibile non sta nel fatto che ci siano pseudo-giornalisti prezzolati corrotti e corruttor,i autentici cialtroni e diffamatori che allignano soprattutto nel falso quotidiano quanto nel seguito che hanno fra i media e i social!!!povera Italia…..

ULTIMI POST

IL PD NON ESISTE MA ANCORA PRENDE VOTI (pochi)

Da ieri sentiamo notizie, numeri, proclami relativi alle elezioni nelle province di Trento e Bolzano, ma non si capisce bene, …
Leggi Tutto

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]