COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

Grasso: il Pd non c’è più.

Caro Presidente, se il Pd non c’è più, tira giù la saracinesca del tuo palazzo e vattene a casa, perché significa che non c’è più niente.

Ormai è un tormentone, la frase più gettonata in bocca agli stolti, a chi pensa veramente che una bugia ripetuta all’infinito divenga verità.

In realtà il Pd è l’unico partito rimasto vivo. Un partito che conta milioni di elettori, il maggior partito europeo a Bruxelles, il partito che da solo contro tutti cerca da anni di ritirare su questo sgangherato paese distrutto da tutti quelli che oggi criticano questo partito.

Un partito dove centinaia di migliaia di persone spendono soldi per fare la tessera, qualche milione di persone donano l’8×1000 per tenerlo in vita, milioni di persone discutono, poi si mettono in fila per ore e spendono anche due euro per eleggere il proprio segretario. Un partito che ha ancora (lui e solo lui) migliaia di sezioni che nelle tantissime difficoltà, cercano di fare politica. Sezioni in cui non si bivacca più come ai vecchi tempi, perché tutto è cambiato, ci sono anche altri luoghi di dibattito, ma dove comunque c’è vita, ci si riunisce, si dibatte, si determinano azioni locali, si discute con i propri consiglieri, si offrono informazioni, consulenze. Dove si chiamano i parlamentari a spiegare le leggi, visto che l’informazione non lo fa, anzi la maggior parte dei provvedimenti è del tutto ignorata dai media.

Ma tu, Presidente, cosa puoi saperne di tutto questo, cosa vuoi sapere di politica e di partito, tu che sei stato catapultato direttamente dalle aule di tribunale a presiedere il maggior organo legislativo nazionale ?

Te ne sai andato? Non piango, anzi sono contento per te. Quello è il tuo posto, fra quelli che blaterano di sinistra senza aver mai fatto una cosa di sinistra e aiutano la destra, anche quelle peggiori e pericolose.

Se hai trovato interessante questo articolo, clicca su una pubblicità a caso, a te non costerà nulla a noi ci aiuterà a investire in ricerca

9 risposte a Grasso: il Pd non c’è più.

  • pezzo di merda di un “Grasso” se sei uscito dal PD, complimenti, significa solo una cosa: il PD è vivo, è grande, è pulito, grazie alla sua uscita e di tanti altri ..!!!
    se fossi in te mi preoccuperei non tanto del PD, ma del suo futuro. uomo insignificante!!

  • Poco cristallino, anzi subdolo nei comportamenti.
    Uscita ad orologeria per far danni. Altacarica dello Stato?….direi selmplicementa carica dello Stato ..anzi peso per lo.Stato

  • Qualche tempo fa Bersani diceva : il PD è la mia casa e io non vado via,poi ho letto su internet che aveva bussato alla porta del M5S,ora c’è il presidente Grasso è uscito dal PD,allora esiste ancora il PD,e io le dico,certo che esiste ancora. Allora là rassicuro e le dico,io sono Orgogioso di farne parte e mi creda che io in lei ho la massima stima,ci rifletta.

  • Facile baggianata solo per una questione di definizone delle cose serie da fare.
    Il PD resta la casa politica che ci può offrire il.meglio

  • Il Pd è la casa di tutti i socialisti. Noi siamo orgogliosi di far parte della grande famiglia della socialdemocrazia europea. Oggi la nostra classe dirigente è molto stimata ed appassionata. Non possiamo dire la stessa cosa di chi di recente ha rinnegato il nobile passato dei democratici italiani e rifiutato le regole di democrazia interna . Noi abbiamo scelto i nostri rappresentanti perché ne condividiamo i programmi. Se il segretario non vi è simpatico pazienza, ve ne dovete fare una ragione. Alla stragrande maggioranza degli iscritti va bene così

  • Prima Falcone poi Renzi io ho buona memoria

  • Presidente,non si preoccupi,il PD è vivo e vegeto!!!!!!!!!!!

  • Alla 2 carica dello Stato non si addice un linguaggio cosi rozzo, senza neanche spiegare cosa intenda dire che il PD non c’e’ piu ‘; solo perché se ne andato Bersani e il suo gruppo? E i milioni di elettori , le migliaia di sezioni e di iscritti, le primarie, gli organismi dirigenti e non i singoli individui, i gruppi parlamentari ecc.! Politicamente è finito? Non credo e vedremo i risultati! Certo fa senso che un uomo di statura come lui abbia cosi poca sensibilita’. Me ne faro’ una ragione, vuol dire che non si è accorto con chi ha avuto a che fare e lo ha votato ! 😯

  • Caro Presidente del Senato…..il PD c’è ed è vivissimo; sono coloro che se ne sono andati per interesse di poltrona che sono dei morti dentro e fra costoro, annovero

    anche lei.

ULTIMI POST

LE FINTE SCARAMUCCE DEI COMMEDIANTI AL GOVERNO

Sì, proprio come diceva Pirandello, “giuoco delle parti”, “ma non è una cosa seria”. Questa commedia che va in scena …
Leggi Tutto
congresso pd

PD – CONGRESSO : La guerra è iniziata

In casa Pd ormai è guerra dichiarata. La data del congresso non è ancora stata annunciata, c’è solo una dichiarazione …
Leggi Tutto

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto

LEOPOLDA 9 – cosa ci si aspetta?

Un appuntamento importante, che si prevede essere più affollato dello scorso anno, qualora fosse fisicamente possibile. Le aspettative sono tante …
Leggi Tutto
NOTIZIE DAL MONDO

Alla scoperta di Jamal Khashoggi attraverso le sue proprie parole

Chi era Jamal Khashoggi? Nato alla Medina, Arabia Saudita, classe 1958. Rampollo di una famiglia importante, il nonno è stato …
Leggi Tutto
/
ARCHIVIO ARTICOLI
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
GLI ARTICOLI PIÙ GETTONATI
  • Come un libro può aver causato il disastro italiano
    Chi sono questi due? Semplicemente due giornalisti che nel 2007 scrissero un libro entrato nella storia: LA CASTA. In teoria Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo non hanno alcuna colpa. In pratica sì, si portano sulle spalle una grande responsabilità, quella di aver dato il LA al degrado del paese. In teoria hanno solo scritto […]
  • LETTERA APERTA A ANDREA ORLANDO
    Carissimo Andrea, lo dico con sincerità, mi hai veramente deluso. Forse il fatto che eri sempre stato in silenzio, forse il fatto che non hai mai fatto nulla in vita tua che potesse provocare un dissenso, per il semplice fatto che non hai proprio fatto nulla, nonostante le innumerevoli cariche che hai avuto, insomma, che […]
  • Troppo facile vincere e poi passare la patata bollente a chi perde
    Le sceneggiate a cui stiamo assistendo in questi giorni sarebbero esilaranti se non fossero deprimenti per la loro meschinità. La pochezza di chi ha vinto raccontando balle agli elettori e adesso non sa che carte pigliare, quella dell’intero establishment dei media che ha pompato iniziative inaudite sia ai tempi del referendum che nell’ultima consultazione, e […]
  • CHI ODIA RENZI ?
      Un viaggio attraverso gli accadimenti degli ultimi due anni per scoprire cosa è cambiato nei sentimenti di alcuni Italiani verso il nostro attuale Premier. ROMA AI GRILLINI: COLPA DI RENZI? Durante le ultime amministrative si è detto più volte dovunque che la causa maggiore della perdita di Roma e Torino da parte del Pd […]