COORD. ADRIANO AMATO

MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU
MENUMENU

No, scordatevelo, il Pd non tornerà indietro

Ripubblichiamo la foto che inserimmo alla vigilia del referendum, che raffigurava la difficile situazione in cui veniva a trovarsi il Pd e il suo segretario.

Partiamo da lì e cerchiamo di esaminare cosa sta succedendo oggi intorno al Pd, prendiamo a caso alcuni titoli dei giornali.

Quello più significativo:

Padellaro “Il Pd oggi rappresenta un baluardo alle intolleranze.. se cade.. questo paese finisce come la Polonia, l’Ungheria e paesi dell’est”.

Due dei tanti a caso:

Bersani apre al Pd

Grasso apre al Pd

Quello che spiega i precedenti:

D’Alema affonda il Pd di Renzi ma apre al dialogo futuro

Cari amici, come posso chiamarvi, di sinistra? Mi sembra una parola grossa. Senza offesa, vi chiamo accozzaglia, così  capiscono tutti.

Dicevo, cari amici, pensate di essere furbi, siete solo spregiudicati, senza scrupoli, siete un’accozzaglia di persone a cui interessano solo gli sporchi interessi personali e ognuno di voi ne ha uno. Siete un team a cui gli interessi dei cittadini non interessano minimamente, anzi siete pronti a metterli sotto i piedi.

Il vostro gioco non è iniziato oggi, è iniziato quando è partita la campagna referendaria. Avete giocato sporco, oltre ogni limite consentito. Avete fatto e inventato di tutto per affossare il Referendum, per quelle riforme che l’Italia aspettava da decenni, con cui tutti voi avete concordato da sempre a cui avete fatto finta di non concordare solo al momento in cui avete dovuto prendere atto di chi era riuscito per la prima volta a portare a termine la riforma. Avete personalizzato il referendum. Non Renzi, voi lo avete personalizzato, con l’aiuto della stampa cialtrona, la peggiore dell’universo.

Avete approfittato del momento sfavorevole al Premier, dovuto in parte a provvedimenti impopolari che per la prima volta mettevano in discussione i privilegi di alcune corporazioni, ma anche e soprattutto per il clima tesissimo che si era creato nel paese per via dell’immigrazione. Clima dovuto in parte a situazioni oggettive, in parte creato dall’altra parte politica che l’ha strumentalizzata.

E voi come sciacalli ne avete approfittato, siete riusciti a legare un referendum per una riforma che era necessaria ma anche ormai l’ultima chance, perché come dicevamo noi, e oggi con la faccia di bronzo constatate anche voi, il paese senza quelle riforme sarebbe stato e sarà ingovernabile. Siete riusciti a sdoganare, autenticare, legittimare il peggiore dei movimenti populisti europei, caratterizzato da modalità di penetrazione nella società di stampo nazista, non vi siete fatti scrupoli pur di far fuori il vostro nemico.

Così avete fermato le riforme, ci siete riusciti, complimenti. Pensate di aver ucciso Renzi. No, avete ferito a morte il paese.

Oggi pensate di raccogliere i frutti. Dopo aver fatto una guerra spietata al Pd, per abbattere il suo segretario, oggi siete convinti di essere arrivati al dunque. Il Pd perderà le elezioni (questo è quello che sperate, non il mio pronostico) Renzi sarà cacciato e voi vi riapproprierete del partito. Purtroppo anche le vicende per le elezioni di Lazio e Lombardia fanno parte di questa strategia.

Cara accozzaglia, non avete capito niente.

Vedete, Renzi lo abbiamo scelto noi, a maggioranza assoluta. Vogliamo Renzi premier? Certo che sì, lo preferiremmo. Perché è un uomo dalle mille risorse, ha un’energia innaturale, lavora per 10 persone, non ha paura di niente, e soprattutto non è pigro. Ha passato molto del tempo dei suoi mille giorni su un aereo in giro per il mondo a fare il piazzista. Ha riaccreditato l’Italia, la cui immagine era stata distrutta dai precedenti, ha messo in piazza l’industria Italiana. Come pensate che siano stati cambiati in positivo tutti i parametri economici del paese, se non soprattutto per questo?

Questo è il motivo per cui molti di noi preferirebbero un premier con queste caratteristiche e al momento non ne vediamo altri in circolazione. Ah no scusate c’è Di Maio..

Ma non avete ancora capito niente. Voi volete abbattere Renzi, perché autore del cambiamento di immagine del Pd. Noi vogliamo salvare Renzi perché rappresenta il simbolo di quel cambiamento, ma è il cambiamento a cui teniamo, non è Renzi. Quel cambiamento che ha permesso a questo partito di essere l’unico di tutta l’area di sinistra europea rimasto in vita. Tutti gli altri sono morti e sepolti.

Allora, carissimi, ve lo dico chiaramente. Il vostro gioco è chiaro, potete incantare solo gli stupidi, ma non vi riuscirà. Certo, lo so, avendo tutti i media parassiti italici al vostro fianco potreste riuscire ad abbattere il partito. Potreste anche riappropriarvene, certo. Ma vi riprendereste un cadavere. Perché noi, che siamo il Pd, non ci saremo più. Saremo altrove. Io voglio ancora sperare che gli Italiani, non si siano tutti rincoglioniti, che smettano di farsi plagiare dai talk televisivi con le loro balle stratosferiche che raccontano ogni giorno. Spero che noi, in questi pochi giorni di campagna che rimangono saremo capaci di spiegare ai parenti e amici, l’enormità di provvedimenti utili al paese che sono stati fatti in questi anni. Non contate sui media, non l’hanno mai fatto. Non li conoscono nemmeno, loro. Quelli si occupano solo di gossip. Renzi è arrogante, Renzi è antipatico, a Renzi puzzano i piedi, l’uomo solo al comando. La politica è sparita nei media, solo gossip.

E quindi spero che il paese non vada nella melma.

Ma sappiatelo, noi militanti del Pd potremmo perdere una battaglia, ma non perderemo la guerra.

Se trovi interessante quello che scriviamo, guarda qualche pubblicità, ci aiuterà ad investire in ricerca e a te non costa niente. Grazie

3 risposte a No, scordatevelo, il Pd non tornerà indietro

  • PERFETTO…

  • Premesso che condivido tutto quanto detto, è un’analisi fatta, ormai, anche da chi non ci legge per quanto è chiara e sconfortante allo stesso tempo.
    A quanto scritto dal sig. Adriano Amato, mi sento di aggiungere, in modo rafforzativo, se”l’accozzaglia” dovesse riuscire a far ridimettere Matteo Renzi e, lo stesso, dovesse far nascere un altro gruppo chiamato in qualsiasi modo, beh, credo di parlare a nome di tutti, unificheremmo totalmente con Matteo e saremmo vita ad una sorta di PD2 e voi, accozzaglia siete e accozzaglia rimarreste.
    Non avete ancora capito che tutti noi, e siamo migliaia e migliaia, non stiamo con Matteo Renzi come un qualsiasi nome e cognome ma come:
    Migliore
    Avvolgente
    Trascinatore
    Temerario
    Energico
    Operatore

    Rispettoso
    Entusiasta
    Neutro
    Zelante
    Inesauribile

  • Io spero che l’alleanza si faccia. La posta in gioco è troppo alta. Un’alleanza PD, LeU con Renzi segretario e Gentiloni candidato premier potrebbe essere la chiave giusta per ribaltare quello che sembra prospettarsi come una sconfitta sonora. Lasciamo da parte i rancori e cerchiamo di massimizzare il risultato.